Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


La gemella sbagliata
di Ann Morgan

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Piemme - 392 pagine
    Disponibile anche in formato ebook




  • Genere: Thriller

    Trama:
    Hai mai avuto paura di restare intrappolata nella vita di un'altra? Helen ed Ellie sono gemelle. Identiche. Almeno così le vedono gli altri. Ma le due bambine sanno che non è così: Helen è la leader, Ellie la spalla. Helen decide, Ellie obbedisce. Helen pretende, Ellie accetta. Helen inventa i giochi, Ellie partecipa. Finché Helen ne inventa uno un po' troppo pericoloso: scambiarsi le parti. Solo per un giorno. Dai vestiti alla pettinatura ai modi di fare. Ed ecco che Ellie, con la treccia di Helen, comincia a spadroneggiare, mentre Helen si finge la sottomessa e spaventata Ellie. E' divertente, le due bambine ridono da matte. Ci cascano tutti, perfino la mamma. Ma, alla sera, quando il gioco dovrebbe essere finito, e Helen pretende di tornare a essere se stessa, Ellie per la prima volta dice di no. Ormai è lei la leader. E non tornerà indietro. Da questo momento, per la vera Helen comincia l'incubo...

    Recensione:
    Ho appena terminato la lettura de "La gemella sbagliata" di Ann Morgan. Subito sono stata colpita dalla copertina che definirei perfetta per la storia, da brivido direi. Le bambine disegnate sul vetro sono le due protagoniste, due gemelle identiche fisicamente ma con un carattere diametralmente opposto: Helen, la più sveglia, possiamo distinguerla grazie alla sua treccia, mentre Ellie, sottomessa alla sorella, porta sempre due codini ai lati della testa.
    La storia nasce da una goliardata che si tramuta in una spirale di angoscia senza fine, Un gioco crudele diventato realtà.
    All'inizio Helen mi era un po' antipatica, per cui ho visto il momento dello scambio come una rivincita di Ellie nei confronti di Helen, poi gradualmente ho visto in lei una protagonista sfortunata ma audace, l'ho sentita vicina, come fosse un'amica e poi mi sono immedesimata in lei, quella rimasta fregata in tutto e per tutto.
    E' un racconto suddiviso in tre spazi temporali con una scrittura che accompagna la progressiva alienazione della protagonista.
    Il primo è raccontato in prima persona da Helen, riguarda il periodo dell'infanzia, e tale scelta permette la completa immedesimazione dei pensieri e nelle sofferenze della bimba.
    La seconda parte, quella relativa all'adolescenza, è narrata con il "tu". Questo per sottolineare il crescente scollamento della personalità e soprattutto dalla realtà circostante, per poi arrivare a una terza persona, un narratore estraneo, che racconta il presente della vita di una donna di circa trent'anni, che si fa chiamare Smudge, "macchia", che non è quella che avrebbe potuto e dovuto essere.
    E' un thriller psicologico inquietante, cattura l'attenzione e scava a fondo nella mente umana, ci proietta nei meandri del "bipolarismo" trasmesso dal padre, suicida, alle figlie, raccontandone anche i meccanismi più perversi con uno stile avvincente, coinvolgente e ricco di suspence.
    Sinceramente a me è piaciuto, perché anche se oltre allo scambio non c'è nulla di eclatante, è stato interessante vedere gli sviluppi e i risvolti psicologici di quel giochino tra bimbe, un gioco in apparenza innocuo ma che ha devastato la vita di un'intera famiglia, Mi sono ritrovata spesso con il fiato sospeso, odiando chiunque non capisse chi fosse la vera Helen. Voglio dedicare un applauso tremendamente finto per la madre delle due gemelle che fra i tanti personaggi odiosi in questo libro, li batte tutti, e che verso la fine fa una rivelazione sconcertante a Smudge tanto che mi sono chiesta come sia possibile per una madre, cosciente di rovinare la vita delle proprie figlie, vivere con questo peso sul cuore preferendo girarsi dall'altra parte e far finta di niente per non rovinare la tranquillità della sua nuova famiglia.
    In conclusione, mi sento di consigliarlo agli appassionati di thriller psicologici con risvolti devastanti.
    (Luisa Debenedetti)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy