Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Mosaico
di Carolina Gregori

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Eretica - 126 pagine
    Disponibile in formato cartaceo




  • Genere: Poesia

    Trama:
    Le liriche che compongono "Mosaico" sono ambientate in un tempo senza tempo, in un luogo non-luogo, scritte col sangue sui pendii di un paesaggio talvolta rigoglioso e talvolta riarso, a volte glaciale e spesso infuocato: l'anima. Questo senso di vaghezza, come fosse una voce sfumata ed antica, si ode in ogni verso, ed emerge con forza ad ogni pagina, come fragranza lontana di ruggine, avena e miele. Al lettore non resta che chiudere gli occhi e aprire il cuore, prepararsi al salto nell'ignoto, meraviglioso ed atroce, che ogni viaggio impone. "Sono le mie feroci creature, ma ora che le ho gettate nel mondo te le affido: sono anche tue"

    Recensione:
    L'intensitÓ di questa raccolta tocca, dal primo verso, la sensiblitÓ di chi legge.
    In una dimensione personale, intima, avviene il dialogo con i propri passato e presente, con il proprio cuore e la propria anima.
    L'autrice ci conquista con il suo poetare, profonda, riflessiva, narra di sÚ, dei ricordi, dei sentimenti, veri personaggi di queste liriche.
    Dal punto di vista formale, punta sul verso libero, rifiutando rime e assonanze, anzi ricercando una prosaicitÓ efficace.
    Poche anche le figure retoriche, i contenuti sono infatti espressi con azioni dirette, ben descritte.
    Ci˛ permette loro di essere codificati immediatamente.
    La Gregori mette a nudo il proprio spirito, senza barriere o artifizi che ne oscurino la vera sostanza.
    La ricerca del dialogo con il fruitore, l'esigenza di raccontare e raccontarsi, dona all'opera notevole fascinazione, soprattutto quando il verso imparisillabo Ŕ utilizzato maggiormente.
    Dal punto di vista lessicale, non c'Ŕ traccia di termini aulici, anche qui la tendenza alla prosa Ŕ una chiara scelta stilistica.
    L'Autrice ha raccolto poesie composte in differenti momenti della propria vita, alcune scritte in etÓ adolescenziale, altre quando giÓ matura, suddividendole in tre sezioni, ciascuna introdotta da un pensiero e da un disegno.
    Spostando l'attenzione ai contenuti, una profonda tristezza e una certa solitudine connotano queste pagine.
    Carolina Gregori le descrive benissimo, con amarezza e estrema grazia, senza mai scivolare nel patetismo, ma narrando l'oscuritÓ che intride il proprio cuore con eleganza e raffinatezza.
    La dolcezza del suo poetare l'avvicina a Quasimodo, naturalmente non nell'ermetismo, qui siamo agli antipodi, ma nella scelta delle atmosfere e nella dolcezza dei versi. La solitudine e l'amarezza ci riportano invece alle opere della Merini, la cui presenza rieccheggia in tutta l'opera.
    Per chi scrive, due esempi paradigmatici di "Mosaico" sono le splendide liriche "La stanza del tempo" e "Resto in attesa".
    Un esordio magnifico, complimenti.
    (Paolo Tognola)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy