Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


CONFESSIONI DI UN EVIRATO CANTORE
di Achille Maccapani


  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Webster.it




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Venezia, marzo 1791. Un agguato a sorpresa, nel pieno di un incontro amoroso. Un omicidio. Poi il risveglio notturno. La scelta sofferta di un anziano possidente che si confessa con un giovane prete di campagna ai confini tra il Naviglio e l'Adda. Si apre così uno squarcio sulla vita di Luigi Marchesi, primo sopranista del Teatro alla Scala, tra successi e pericoli, peripezie e compromessi, in una città divisa tra la dominazione austriaca e l'avvento di Napoleone. Colpi di scena, battaglie, incontri e scontri con Cherubini, Mozart, Paganini e Foscolo. E il rimpianto del grande amore di Maria Cosway, che per lui dimenticò Thomas Jefferson e lasciò a Londra il marito e la figlia piccola. Una delle pagine più sconvolgenti della storia tra '700 e '800, in una Milano in preda ai misteri e ai costumi sempre più disinibiti. Una discesa verso l'inferno e una corsa contro il tempo alla ricerca della salvezza eterna.

    Commento:
    Romanzo storico sulla vita di Luigi Marchesi, cantore milanese che visse tra la fine del 1700 e gli inizi del 1800.
    Il libro esamina l'intera vita del protagonista, dalla fanciullezza fino all'età adulta, raccontandone i successi e i fallimenti, i dubbi, le riflessioni che lo portarono alla decisione di farsi evirare per non perdere quella voce che lo rendeva così speciale, le malinconie e l'amore, con le avventure di sesso ma anche con il forte sentimento che lo legò alla Cosway e che segnò la sua vita.
    Il romanzo ci mostra il Marchesi ormai anziano che, sentendo avvicinarsi l'ora della morte, decide di confessare i suoi peccati e racconta così al parroco tutta la sua vita, mostrando al lettore uno spaccato della società dell'epoca davvero inaspettato.
    Notevole il lavoro di ricerca e approfondimento fatto dall'autore, che si percepisce in ogni aspetto del romanzo: le parti puramente storiche sono ricostruite con grande precisione ma, nello stesso tempo, con scorrevolezza e senza appesantire eccessivamente la trama del romanzo. Gli aspetti musicali, con riferimenti alle opere e agli altri artisti, sono interessanti, ben scritti e, pagina dopo pagina, trasportano il lettore in quell'epoca remota, facendolo quasi assistere agli spettacoli di volta in volta narrati.
    Ottimo stile di scrittura e grande proprietà di linguaggio, l'unico piccolo appunto che forse si può fare a questo libro, è quello di essere un po' lento, soprattutto all'inizio, difetto però assolutamente trascurabile rispetto al valore ed ai contenuti di questo romanzo.
    (Maria Guidi)

    Dello stesso autore:
    Bacchetta in levare



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy