Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Gialli

Trama:
Solo un ponte divide il paesino veneto di Pal¨ dalla Valle: il residuo di un'antica laguna, un'oasi di natura e di pace. E' il sabato della festa del paese e la perpetua prepara la cena al prete con i prodotti che ogni anno i parrocchiani lasciano come omaggio sull'uscio della canonica. Quando il cadavere del parroco viene ritrovato in spiaggia, i sospetti dell'ispettore Corrado Benetti si concentrano sull'avvenimento che ha scaldato gli animi nell'ultimo anno: grossi investimenti stranieri per costruire un parco acquatico a ridosso della Valle. La promessa di trasformare Pal¨ in una meta per il turismo di massa rappresenta per alcuni l'agognato benessere, per altri un'inaccettabile minaccia all'ecosistema della Valle. Benetti percepisce una crepa in quel mondo a parte, quasi d'altri tempi. Le indagini si complicano e tutti sono sospettabili: l'impresario, la perpetua, il Maestro di yoga, l'oste irascibile... E poi c'Ŕ Bianca, intraprendente psicologa, con cui l'ispettore si ritrova, suo malgrado, a collaborare. Quando emerge un secondo cadavere, Benetti si sente intrappolato nelle melme della laguna. Forse la crepa, in quella bolla appesa al nulla, Ŕ pi¨ profonda di quanto sembri.

Recensione:
Un giallo appassionante, che incuriosisce per il mistero e conquista per il lato umano, sviluppato con cura e attenzione, perfettamente inserito nella narrazione. "Strada inferno" Ŕ un'opera che mi ha presa come poche quest'anno, una vera scoperta e una rivelazione.
Serena Cappellozza Ŕ all'esordio, eppure la sua penna mostra una consapevolezza e una maturitÓ giÓ ben sviluppate. La scrittura Ŕ confortevole, bastano poche pagine per trovarsi a proprio agio, adattando il ritmo di lettura a un dinamismo rallentato dal piacere di stare in compagnia del libro, che frena la voracitÓ nata dalla curiositÓ, per godere di ogni momento, per assorbire ogni sfaccettatura dei personaggi, per permettere alla malia del teatro degli eventi di entrarci dentro e trasportarci nella comunitÓ protagonista della vicenda.
Un paese di poche anime, che diventano tutte figure importanti per la trama, come vittime, testimoni, sospetti. Personaggi secondari curati quanto i protagonisti, raccontati con le loro peculiaritÓ, bizzarrie e unicitÓ. Nel libro troviamo la natura che si scontra con la modernitÓ, il volere di alcuni che entra in conflitto con quello di altri, per dare alla storia un'apertura di respiro, moderna e quindi facilmente comprensibile. Eppure il punto forte del romanzo sta nel modo in cui l'autrice racconta i personaggi, che diventano persone reali, che sentiamo possibili e seguiamo con un languore e un trasporto dolce/amaro.
Serena Cappellozza Ŕ capace di una sottile ironia che alleggerisce l'eloquio, ma mai svilisce tematiche importanti, come la solitudine, le famiglie che vivono al limite, persone che abitano a pochi metri le une dalle altre, che sono molto pi¨ unite e solidali di chi vive in una grande cittÓ, eppure non Ŕ possibile capire tutto, arrivare ovunque e impedire alle tragedie di compiersi. Nel leggere ci interroghiamo naturalmente sull'eterno dilemma di fronte alle tragedie: si potevano evitare? Forse sý, forse no, certo Ŕ che ognuno ha i propri guai, che per quanto si porti l'attenzione all'esterno, i crucci intimi e personali distolgono l'attenzione, com'Ŕ naturale, com'Ŕ umano. Siamo esseri imperfetti, fragili e non possiamo addossarci le colpe di altri, possiamo solo cercare di rimediare alle nostre.
Mi piace molto com'Ŕ stata sviluppata la personalitÓ dell'ispettore Benetti, ho molto apprezzato l'altalenanza tra forza e fragilitÓ di Bianca, l'attitudine e il senso del dovere e dell'amicizia di Lisa, ma soprattutto ho amato il dubbio che, a un certo punto della storia fa capolino, col battito cardiaco che accelera per il coinvolgimento, e ho trovato nella soluzione finale una delicatezza che, se non appartiene puramente alla giustizia, mostra un'attenzione che nel mondo ci vorrebbe.
"Strada inferno" Ŕ un giallo speciale, un romanzo che vi consiglio e spero che l'autrice torni presto a occupare gli scaffali delle librerie con un'altra storia.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro consigliato

Il libro consigliato

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy