Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Una donna legata a una sedia in un seminterrato è ferita e perde sangue; un figlio trova suo padre anziano in fin di vita; in un passato remoto invece Carlo e Alessandro sono due bambini che a poco a poco diventano adulti. Celine è il centro delle azioni e dei sentimenti di un padre e di suo figlio, catturati entrambi dalla sua bellezza e dalla sua maestria nel far apparire reale la finzione. Alla fine il passato si ricongiungerà con il presente, per svelare la vera identità di tutti i personaggi e il loro ruolo. Il vento soffia forte, minaccia e solleva il mondo, ma la storia infinita dei padri e dei figli, tra contraddizioni e buona volontà, continuerà ad essere il motore che spinge verso il futuro l'umanità.

Recensione:
"Wuthering winds" di Dario Pasquali è un romanzo particolare anzi, speciale, torbido, teso e profondo. Il titolo richiama le "Cime tempestose" di Emily Brontë, ed è il vento il nastro su cui sono incise le memorie dell'essenza di tutte le cose e delle vite di Carlo e Alessandro, Marta, Beatrice e Celine. Chi sono? Cosa lega le loro storie che si alternano capitolo dopo capitolo? Certo, la voce narrante al presente è quella di Alessandro (Alex) ma l'Autore ci tiene in equilibrio su un filo teso e sospeso sopra le vite dei suoi personaggi, per i quali l'atto di fiducia più grande è ammettere e confidare i propri sentimenti, esporre il cuore e l'anima a qualsiasi vento, qualsiasi burrasca... o alla dolce brezza che rinfranca. Questo però si saprà solo a cose fatte.
Ci troviamo di fronte ad un gioco d'azzardo in cui ognuno, nella propria storia, bluffa mentendo anche a se stesso.
La forza di queste storie, in cui tutto è incerto e dominato dalla menzogna, è racchiusa nell'esposizione dei recessi più intimi della psiche e dei sentimenti umani; anche la carne protagonista si apre come durante una vivisezione e, mentre lo scrittore redige la sua relazione come fosse un medico legale, il lettore osserva con quanta perizia gli uomini e le donne si sono offerti alla distruzione nell'ossessiva ricerca di qualsiasi cosa assomigli alla semplice serenità, amore o pace che dir si voglia.
Ne deriva, per chi legge, tensione e movimento interiore, poiché quei sentimenti rischiano di somigliare ad alcuni dei nostri, alla paura di replicare le debolezze di quei personaggi, di restare vittime degli stessi agguati in cui essi sono caduti. Si legge sperando di non vedersi allo specchio, di non ritrovarsi dentro il libro.
Nel tempo e nello spazio della narrazione, Pasquali parte lontanissimo, i personaggi si annunciano con intuizioni allarmanti e cariche di tensione, si avvicinano lentamente e guardinghi, finché si arriva al momento in cui ci si trova davanti a un'esecuzione che era stata rimandata e si vorrebbe entrare nella storia, graffiare le pagine con le unghie e urlare no, fermati! Cosa stai facendo! E, soprattutto, perché diavolo la storia finisce ma non finisce qui?
Al sommarsi di ogni pagina alla successiva, appare più fondato il sospetto che i destini possibili dei personaggi siano esclusivamente due: la distruzione o l'autodistruzione imposti da una malefica e innata indole e che, al sommarsi di ogni anno di vita all'altro, questo destino si faccia sempre più prossimo e ineludibile, come se la speranza e la lealtà fossero inaccessibili all'umano a partire dalla fondazione del suo, tanto che viene alla mente l'aforisma di Cioran secondo il quale "Lo spermatozoo è il bandito allo stato puro".
Concludo facendo i miei complimenti all'Autore che, a parere mio, ha esibito un'efficace lavoro di caratterizzazione dei personaggi, senza mai far calare la tensione, in un gioco di prestigio del quale il lettore si accorgerà solo a libro finito.
(Luisa Debenedetti)

Citazioni da questo libro:
Mi fermo, e penso che sia proprio così, siamo attratti da ciò che ci fa male, ci piace ciò che può farci male, è un mondo che tende alla autodistruzione, che sarà distrutto dall'interno. Sì, stiamo tutti morendo e proviamo a ridurre l'attesa facendoci del male da soli.



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro consigliato

Il libro consigliato

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy