Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Maldestre osservazioni per contatti passeggeri
di Gianlubodai

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Indipendente - 161 pagine
    Formati disponibili: ebook




  • Genere: Poesia

    Trama:
    Un'avvincente tellingstory che ti accompagnerà nel mezzo del terzo millennio, con i suoi umori e le sue sensazioni, a volte catastrofiche o isteriche. Magari speciali o "spaziali". E nuove distrazioni che potrebbero portarti a una nuova storia d'amore, forse. Intanto ti guardi intorno, tenendo gli occhi sempre spalancati.
    Camminando frettolosamente per strada, a fianco del collega d'ufficio o preparando un piatto dal sapore antico: è sempre questione di incontri e contatti.
    Magari ti capiterà tra le mani un bigliettino da visita, caduto dalla tasca del fedele trolley, status-symbol di questi tempi. L'imbarazzo è forte, usarlo o lasciarlo in un cassetto? 11 capitoli, molte situazioni che potresti vivere appena girato l'angolo della strada, ricordando di tenere semplicemente il sorriso sulle labbra.

    Recensione:
    Ci inoltriamo in pieno terzo millennio, attraverso il linguaggio poetico di Gianlubodai, che usa i versi, le parole, le frasi, con cui fotografa il nostro vivere, in una società e in un tempo in cui i "contatti" con le persone, le cose, i luoghi sono sempre meno naturali e sempre più "maldestri".
    E' innegabile una certa amarezza, uno sguardo critico, spesso infastidito da parte dell'autore che in modo diretto, non risparmia i propri giudizi.
    Tante immagini, tante scene, tanti protagonisti si susseguono pagina dopo pagina, sempre ben descritti e rappresentati, con schiettezza e senza sconti.
    Sì perché la capacità descrittiva è la principale peculiarità dell'opera, che si tratti di persone, animali, paesaggi, oggetti o sentimenti, subito si presentano in tutto il loro essere.
    Il messaggio di ogni composizione è chiaro, il poeta non nasconde né edulcora nulla, la struttura del profondo e quella di superficie coincidono.
    E' molto interessante la scelta del lessico, la semplicità è la formula decisa per assecondare la schiettezza della raccolta: termini correnti, nulla di ricercato, tanto meno di aulico. La stessa costruzione della frase è essenziale, come se si volesse renderla veloce e tagliente.
    In un'epoca in cui le informazioni sono rapide come non mai, possiamo definire l'approccio di Gianlubodai "da terzo millennio".
    Ritmo incalzante, sempre in avanti, il tempo corre e le parole con lui. Il momento riflessivo è rimandato alla fine del libro; infatti bisogna leggerlo tutto d'un fiato, senza pause, solo così si percepisce il messaggio e si penetra nel mondo dell'autore.
    L'estrema semplicità, è una via artistica precisa, ma, forse, è anche un limite dell'opera; la povertà lessicale mina l'incisività e il profilo artistico dell'opera e smorza il ritmo dei versi; in alcuni passi, un po' più di eleganza avrebbe sostenuto meglio i contenuti, ma queste sono scelte artistiche dell'autore e come tali, molto personali.
    Piacevole, invece, la forma, i versi sono cesellati su schemi metrici da prosa, ma mantengono la musicalità tipica della poesia; anche l'impaginazione e la copertina sono molto apprezzabili.
    (Paolo Tognola)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy