Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Franšois dal promontorio
di Giovanni Retrosi

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: CTL - 236 pagine
    Formati disponibili: cartaceo




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    Durante la primavera del 1944 sulle coste della Normandia, mentre gli Alleati si apprestano a sferrare il colpo decisivo contro la Germania nazista, un bambino francese di nome Franšois stringe una solida amicizia con un soldato tedesco, Frederick Hosenfeld. Quest'uomo, dall'animo travagliato e mosso dal solo desiderio di darsi alla fuga, abbandonerÓ il torpore emotivo che da sempre lo accompagna, proprio grazie all'incontro con il piccolo Franšois che riuscirÓ a riportare amore e fiducia nella sua vita. Frederick cercherÓ in tutti i modi di riscattarsi, dando un senso a quei tragici gironi, ma inconsapevolmente troverÓ proprio nella guerra le risposte alle sue domande. Altri personaggi nel corso della storia intrecceranno la loro vita con quella dei protagonisti e alcuni di essi si ritroveranno a dover decidere se fare onore alla divisa che indossano o seguire il loro senso morale. Amicizia, amore e riscatto, prenderanno il posto dell'eroismo, del valore e della gloria, lasciando la guerra sullo sfondo per far emergere con forza l'intimo coraggio di un uomo e di un bambino.

    Recensione:
    Quanto Ŕ potente il sussurro dell'amore? A volte, pi¨ dell'urlo feroce e disperato della guerra. Pi¨ del frastuono della mente che ha attraversato un mare di devastazioni e sofferenze. Pi¨ dei latrati di dolore che provengono da un corpo martoriato. Pi¨ di un ordine gridato a viva voce, pi¨ del senso del dovere che rimbomba nella razionalitÓ. Se mai ne avessi avuto bisogno, leggendo queste pagine ho interiorizzato un concetto prezioso: l'amore Ŕ vita ed Ŕ in grado di conquistare tutto e tutti, di sbaragliare i piani dell'essere umano, di manifestarsi ovunque, anche nel bel mezzo di un teatro bellico. Laddove due forze si contrappongono, dallo scontro fuoriescono un vincitore ed un vinto; laddove entra in gioco l'amore, non esiste sconfitta. Il cuore che si riconosce capace di amare non pu˛ far altro che effondersi a bene, persino nel crollo, nel subbuglio, nel morso orrendo del conflitto. Francois, aggrappato alle rocce di un promontorio della Normandia come fossero squame di un drago immaginario, guarda il mare, la guerra e l'umanitÓ con gli occhi innocenti e fantasiosi di un bambino. La sua incapacitÓ di giudicare fa di lui un generatore d'amore. Nella spirale di energia positiva creata dalla sua spontaneitÓ restano intrappolati i sentimenti e le sensazioni di tante anime adulte, segnate, ciascuna a suo modo, dalle cicatrici di un'epoca di lotte fra i popoli; il dolore lentamente si spegne e la speranza rinasce.
    La trama, ben organizzata ed articolata, si sviluppa dai momenti che precedono lo sbarco degli Alleati in Normandia e lo storico Processo di Norimberga, celebrato dopo il termine del secondo conflitto mondiale. Nel racconto, trovano ampio spazio le vicende belliche operate dai due fronti combattenti, le attivitÓ di fiancheggiamento da parte della resistenza francese e le sofferenze morali e materiali esperite dalla popolazione civile. Il susseguirsi di eventi devastanti, drammatici e luttuosi Ŕ bilanciato dal senso di umanitÓ che travalica il conflitto, dagli affetti che si accendono in modo del tutto inopinabile e non si spengono malgrado il gelo della separazione e dell'inverno. Dentro ogni divisa, di qualsiasi foggia e colore, c'Ŕ un soldato con il cuore di un uomo. Sono le voci dei cuori che risuonano in armonia ad imprimere un tocco speciale a questa narrazione, decisamente avvincente e molto coinvolgente.
    Lo stile dell'autore Ŕ perfetto, per non dire superbo. Giovanni Retrosi ha la capacitÓ di descrivere in termini realistici situazioni asperrime e sanguinose avendo cura di non offendere mai la sensibilitÓ del lettore. Ci˛ che pi¨ di tutto mi ha colpita dal punto di vista stilistico Ŕ la capacitÓ di esprimere emozioni e sensazioni in modo estremamente vivo, autentico, partecipativo; lo stato d'animo che ho sperimentato scorrendo le pagine Ŕ stato quello di essere coinvolta di persona negli eventi narrati, come se vi avessi partecipato direttamente. E' un'esperienza nella quale incorro raramente, per la quale ringrazio e mi complimento.
    Lettura assolutamente consigliata, per il rimando ad un momento storico saliente e per il valore dato alla parte pi¨ nobile dell'intima essenza degli esseri umani.
    (Angelarosa Weiler)

    Citazioni da questo libro:
    In guerra, eroi o codardi lo si diventa in base ai racconti, pi¨ o meno veritieri, di chi si azzarda a dire "Io c'ero!", facendo credere di essere l'unica parte attendibile ed incontestabile di un accadimento.

    La guerra, a volte, chissÓ come e perchÚ, riesce ad architettare strane alchimie tra gli uomini, demolendo le barriere che esistono tra vittime e carnefici.

    Quell'uomo con quell'uniforme forse non era pi¨, o forse non era mai stato, il suo nemico. Oggi forse poteva rappresentare il complicatissimo inizio di qualcosa.

    Preferý posporre il suo dovere di soldato al bisogno di sentirsi padrone delle sue scelte.

    La ragione e la codifica rendono tutto pi¨ arido nel passaggio dalle infinite sfumature del cuore alla nitidezza monocromatica del cervello.

    Nessuno muore mai veramente. Se tu non dimentichi una persona, quella persona continua a vivere.



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy