Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


I caduti. Storia di una coscienza
di Matteo Carmignoli

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: La Bancarella - 110 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    "Quella è la storia di una coscienza. La narrazione di una coscienza particolarmente sensibile, ma anche sofferente, a proposito di una serie di vicende di cui essa è stata spettatrice e attrice per un arco di tempo indeterminato. Che il lettore non commetta l'errore di interpretare le parole del narratore come un resoconto oggettivo e affidabile di ciò che è effettivamente accaduto. Tutto ciò che segue è soggettivo e incerto, tutto ciò che viene presentato è, in primo luogo, vissuto da un individuo reale, in carne ed ossa, certo, ma in secondo luogo, è filtrato e rielaborato dalla sua mente confusa, contorta, se non malata; dalla sua personalità tormentata e dal suo giudizio certamente non sempre affidabile. Quindi spetterà anche, se non unicamente, a voi valutare fino a che punto le parole del nostro protagonista rispecchino la realtà, o siano deformate nel delirio. Detto ciò, auguro buon viaggio al gentile e, spero, paziente lettore. Un oscuro viaggio attraverso la storia di una coscienza."

    Recensione:
    "I Caduti - Storia di una coscienza" è un romanzo, che definirei metafisico-surreale, di Matteo Carmignoli. Lo stile di narrazione è ricco, accogliente e conduce il lettore in un mondo misterioso e affascinante. Nel breve romanzo ciò che più mi ha colpito è proprio la magia che l'Autore ha saputo trasmettere e che dimostra di avere dentro di sé.
    Intorno all'Io narrante si intrecciano e si intersecano, emblematiche e parallele, costruzioni simbolistiche in un fluire ininterrotto che è onirico e musicale, poetico e lirico insieme, sul filo dell'immaginazione e della follia. I tempi e i luoghi della narrazione, situati su piani diversi, innescano un complesso gioco di richiami, di ritorni, di parallelismi e dissonanze, di algide armonie e di misteriose simmetrie.
    I nuclei tematici principali, che possono essere individuati nel ribollente magma narrativo del romanzo e intorno ai quali si confluiscono tutti gli altri, sono il contrasto, scoperto come definitivamente incolmabile, fra la vita imposta dalla società e il senso del sé (questo in particolare nella figura di Carlo, lo studente); il mito dannunziano della bellezza; il rapporto fra l'uomo e la società; la scelta dell'attraversamento della volgarità e dell'orrore della società moderna (in quanto il protagonista, appunto, deve attraversarne fino in fondo l'inferno, e farsene lucido testimone); la critica intellettuale e filosofica, di ascendenza pasoliniana, della volgarità del mondo governato dal materialismo; il corollario che ne deriva, è l'impossibilità dell'amore, ridotto a puro sesso dopo che si è inaridita ogni trepidazione sentimentale.
    E' evidenziato il tema della donna-amore, della donna-bellezza e della sua capacità salvifica.
    Fra sogni e visioni l'Io narrante, il giovane ex professore precario, disoccupato e alcoolista, cerca eroicamente, come l'antico Edipo, la "conoscenza di sé" e la redenzione psicologica dalla colpa di essere estraneo alla società in cui vive, di avere disatteso i propri sogni e aspettative, di aver alimentato in sé quel demone che alberga in ognuno di noi, ma da cui si è lasciato spesso sopraffare, in una figura di donna salvifica, dapprima intravista, inseguita e "forse" raggiunta attraverso i meandri - emblemi della modernità - di un pub e di una sorta di casa di tolleranza.
    I Caduti alternano, in una miscela suggestiva e poetica, parti narrative a parti saggistiche che, sia per l'aspetto visionario sia per i nessi associativi, si fondono l'una nell'altra.
    Il protagonista esprimendo le sue angosce, i suoi desideri, i suoi sogni, si libera anche dei significati nascosti e coperti delle sue emozioni, tale concetto, ben amalgamato con gli altri temi, aiuta a godere, con un brivido di romanticismo, la trionfante irruzione del mistero e del paranormale.
    La scrittura, snella e veloce, non fa un uso eccessivo di spiegazioni, si sviluppa sinfonicamente ma attraverso moderne dodecafoniche dissonanze, a partire dai modelli classici della tradizione latina e italiana fino a Manzoni - il fatto di chiamare in causa il lettore ricorda tanto la famosa frase de I Promessi Sposi: "Pensino ora i miei venticinque lettori che impressione dovesse fare sull'animo del poveretto..."-, è un periodare ampio e corretto per cui la subordinazione sintattica della frase è il corrispondente oggettivo della discesa nell'inconscio, ovvero quel tragico viaggio dentro se stessi che è l'edipica, eroica meta dell'Io narrante. E' un italiano di alto profilo, dunque, consapevolmente opposto alla lingua dei giornali e della televisione, ma anche della maggior parte della narrativa contemporanea, piuttosto "para-letteratura" che letteratura.
    Inoltre, il lettore sente la scena più che vederla, e di conseguenza giunge a una propria interpretazione senza interferenze da parte dell'Autore che ho scoperto essere giovanissimo, per cui: "Chapeau, Matteo!".
    Al termine della lettura ci si trova a mettere in dubbio certezze su noi stessi e sulla realtà del mondo che ci circonda, come l'Alice di Lewis Carroll che si domanda:
    "Non son stata io, io in persona a levarmi questa mattina? Mi pare di ricordarmi che mi son trovata un po' diversa. Ma se non sono la stessa dovrò domandarmi: Chi sono dunque?"
    Un libro sicuramente consigliato.
    (Luisa Debenedetti)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy