Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Poesia

Trama:
I Temporali di Cristiano Poletti, fenomeni naturali desiderati e minacciosi o orizzonti del pensiero legati al nostro essere smarriti lungo gli anni e i secoli eppure fissi nell'eternità di pochi istanti luminosi, disegnano un libro maturo e forte, traguardo raggiunto di un lungo cammino poetico ed esistenziale, ma anche punto di svolta, riconoscimento di sé e del proprio rapporto con l'esistente, promessa per il futuro e riscatto. La parola oscilla tra il dato autobiografico, alluso e mai esibito, e la meditazione sulla storia e sui suoi vinti; e l'intonazione del testo a sua volta sta in equilibrio su un bilico espressivo, ora tendente al picco lirico, all'immagine fascinosa, ora capace del nitore ammirevole di chi non ha più bisogno di maschere e di orpelli. Anche il dichiarato dialogo con autori antichi e moderni offre una felice varietà di stili, capaci però di fondersi in una voce sommessa e piena: Poletti convoca Dante, Petrarca, Leopardi, Primo Levi, De Angelis e molti altri, a seconda dello strumento che maggiormente la musica di un testo richiede e richiama. Lo sguardo vaga nella memoria e nel paesaggio, ricostruisce volti fuggitivi, narra frammenti di vita o affreschi di esperienza collettiva; si addentra nella "pastorale del freddo" e lì si perde e trascende. E' uno sguardo che ha visto molte cose, che conosce il senso del limite e il brivido del desiderio illimitato; è uno sguardo che sa come "anche attraverso questo, la grazia. / Solo attraverso / questo, /essere soli". Fabio Pusterla
Parola, una, anche tu, anche tu.

Recensione:
"Temporali" di Cristiano Poletti è una raccolta di poesie in cui autobiografia, vita e storia si avvicendano e a volte si sovrappongono all'interno di sette sezioni.
Poletti cammina sul solco della sua esperienza personale, tra memoria e presente, nostalgia e propositi, dolore e gioia; solo un poeta che vive senza menzogna, perché fermo nella verità della poesia, può, con la sua voce, in sottigliezze calibrate e attente lavorazioni sul verso, deviare l'attenzione del lettore dai suoi personalissimi dolori e gioie a quelli universali, coinvolgendolo nel "gioco" della poesia. Caricando il lettore di fervore poetico esistenziale, l'Autore lo porta a scorrere i versi come una pista di decollo, un mantra o una preghiera laica che eleva ad affari più importanti di quelli piccoli e corruttibili in cui normalmente sguazziamo.
Sono presenti ed hanno voce, spesso come epigrafi, altre volte all'interno dei testi, alcuni grandi poeti di ieri, la cui grandezza consiste anche nell'insinuarsi nel presente, e artisti di oggi che ricompongono il puzzle di frammenti ora di memoria ora di un gelido passato. E' qualcosa di simbolico prendere in prestito le parole di altri: è come tirare il filo invisibile che lega ogni scrittore a un altro, e ogni uomo a un suo simile perso da qualche parte nel tempo e nello spazio. La poesia di Poletti è misurata nelle parole che sono voci e silenzi, scorre come acqua durante un temporale ma talvolta, come lava al contatto col mare, sembra solidificarsi superficialmente in un simbolismo che solo in apparenza raffredda il flusso poetico. Le parole prese singolarmente all'interno del dettato poetico, così come talvolta i singoli versi, non sono sempre di immediata comprensione, cioè non rispondono a un logico accostamento di senso, tanto che viene da chiedersi quale sia l'intento del poeta. Si potrebbe rimanere stupiti da alcune scelte linguistiche, da una sorta di inesattezza latente (che io intendo nella sua accezione positiva, un po' come il dubbio, per vederla come Leopardi, è la strada verso la verità), ma seguendo il percorso di salita della pioggia si arriva nel luogo in cui ogni parola e ogni singolo verso si compongono in un meraviglioso scroscio di senso e significato compiuto, le nuvole temporalesche diventano spettacolari, belle e potenti pur nella tragedia che mettono in scena. Proprio in questo si evidenzia il valore del poeta Cristiano Poletti, nella sua capacità di trasformare l'insieme delle parole e dei versi da esse composte, in eccitante poesia, nonostante il simbolismo, più o meno marcato, tenda a criptare le informazioni.
In quest'opera la scrittura, anche nelle poche accezioni di prosa-poetica, scorre sull'orlo dell'esistenzialismo e scandaglia a fondo le principali tematiche umane, tra cui l'amore, la malattia, la morte e l'incapacità di congiungersi veramente con l'esistenza stessa che, con le sue dinamiche, come ben sappiamo crea disagio. L'Autore ricorre a costruzioni figurative che sono vere e proprie architetture di pensiero, innalzate ricorrendo ad equilibri e incastri tra aggettivi e sostantivi, i verbi ne sono una parte meno evidente, ma ovviamente sostanziale: gli architravi.
Giunti a conclusione della lettura si ha la sensazione di aver affrontato un viaggio impegnativo al termine del quale il poeta ha scaricato il proprio fardello di disagio e noi con lui; non ci vorrà molto ad accorgersi di aver viaggiato nell'universale bellezza della poesia attraverso un nostro personale percorso che il poeta ha magistralmente studiato per noi; questo è a mio avviso il compito dello scrittore: costruire la scena in cui il lettore possa entrare e farne parte.
"E immagini senza sapere
come da un muro o da un giro di rocce
esca, continui a farlo il fiore.
Immagini senza sapere e attendi
per rivedere e capire. Così,
finché tutto sia limpido" (pag. 76)
(Luisa Debenedetti)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy