Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Un bacio che non si stacca più
di Augusto Macchetto

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Rizzoli - 176 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Per ragazzi

    Trama:
    Cara Flavia, Eccola. Una lettera dalla mamma che non c'è più. Se devi piangere fallo subito, poi lavati la faccia e torna a leggere. Io aspetto, ho tempo. Da un mese la madre di Flavia se n'è andata, ma ha trovato il modo di restare ancora un po', di "fregare la morte", come direbbe lei. Con le lettere. Arrivano a Flavia giorno dopo giorno, da città sempre diverse, per dire tutto quello che non è facile dire a voce, ma anche solo per continuare a parlare, a esserci. E lei sta al gioco. Non ha idea di chi le spedisca, però le aspetta impaziente e fiduciosa. E intanto prova a vivere la vita di sempre. A ridere con Sabri, la sua amica mezza matta, a baciarsi in mezzo alla strada con Luca, e a coccolare il suo frastornato papà. Perché sta imparando che la morte la puoi fregare anche rubandole un attimo. Attimo di una risata... O di un bacio.

    Recensione:
    Una storia toccante raccontata attraverso le parole di una sedicenne, con un po’ di ironia e un pizzico di ingenuità tipico di un'adolescente, e anche con tanto affetto che traspare dalle lettere che Flavia legge, quelle lettere che sua madre le ha lasciato prima di morire e che le vengono misteriosamente recapitate una alla volta e da città differenti come se fosse ancora viva e stesse viaggiando.
    “E' un modo per ingannare momentaneamente la morte”, così le ha scritto, così ha pensato sarebbe riuscita a starle vicino ancora quel tanto che basta per elaborare il lutto e riuscire a superarlo.
    Flavia ci racconta il suo percorso con una narrazione fluida e scorrevole, lei che nonostante tutto continua la sua vita fra i banchi di scuola, le uscite con gli amici e le coccole e i baci che si scambia con Luca, il suo primo amore, e con la consapevolezza di dover essere un sostegno per il suo povero padre che soffre quella perdita ancora più di lei. Flavia continua a vivere anche se ha il cuore a pezzi, perché è proprio questo quello che sua madre le ha scritto in quelle lettere e che vuole, che continui ad essere felice e che il ricordo di lei che ora non c’è più, possa un giorno farle meno male e che possa sempre sentirla accanto a sé. Lei c’è e ci sarà sempre, sarà nei suoi pensieri e radicata nei suoi ricordi, esattamente come sono indelebili ed eterni quei baci impressi nell’inchiostro che le lascia alla fine di ogni lettera, quei baci che non si staccano più e che saranno sempre lì ogni volta che ne avrà bisogno.
    Questa storia, che a tratti è commuovente, ci regala anche dei gran sorrisi e, nonostante il difficile tema del dover affrontare un lutto prematuro, non risulta per niente pesante, anzi, l’autore dimostra una gran capacità e sensibilità nell’affrontare tale argomento.
    La curiosità di scoprire chi c’è dietro alle spedizioni delle lettere, lascia acceso l’interesse del lettore sino alla fine. Ottime le descrizioni dei luoghi e dei personaggi, mai banali o eccessive.
    Molto simpatiche, e anche significative, le brevi favole che si leggono lungo il percorso e che vengono raccontate dal padre della protagonista poiché è un autore per bambini.
    Cinque stelline piene per questo romanzo adatto a un pubblico di giovani lettori, ma molto bello anche per i più grandi.
    Da leggere, vivamente consigliato.
    (Silvia Garioni)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy