Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Un sogno lungo un'estate
di Barbara Baraldi

  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Pubblicazione indipendente - 259 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Per ragazzi

    Trama:
    Per Matilde si prospetta l'estate peggiore della sua vita. Come potrebbe essere altrimenti, quando si trova costretta a trascorrere le vacanze con i genitori in campagna, nella casa di zia Isabella? Fin da subito la sua avversione per la vita agreste è totale: la zia del papà è algida e scontrosa, la natura che la circonda estranea e ostile, la casa stessa decrepita e inquietante. E da quel momento, niente è più lo stesso: il padre è assente per la maggior parte del tempo mentre la madre, autrice di fiabe per bambini, passa le giornate rinchiusa nello studio per dedicarsi alla stesura del suo nuovo libro. Come se non bastasse, durante la notte Matilde è tormentata da strane visioni, in cui ricorre la figura evanescente di un misterioso bambino. Ma l'enigma più grande è dipinto sul muro di un vecchio mulino in rovina, il quale si dice rappresenti la mappa di un tesoro. Accompagnata da improbabili compagni di viaggio, comincia così un'entusiasmante impresa per decifrarlo, al termine della quale Matilde si ritroverà depositaria di una straordinaria scoperta, ma soprattutto sarà in grado di far luce, una volta per tutte, sul terribile segreto che si cela nel passato della sua famiglia. Dall'autrice della serie thriller "Aurora Scalviati profiler del buio" (Giunti) un racconto di formazione per ragazzi, una storia sull'amore e sulla morte che si dipana tra i misteri di una campagna mai così gotica. Perché, a volte, l'unico modo per diventare grandi è affrontare la paura.

    Recensione:
    Un romanzo per ragazzi capace di affascinare anche gli adulti, una storia racchiusa tra generazioni, differenti punti di vista e di modi di intendere la vita. "Un sogno lungo un'estate" possiede una trama avvolgente, gotica al punto giusto, nera di un'oscurità che appare foriera di misteriose minacce e rapaci intenti solo ad uno sguardo superficiale, perché la cupezza è solo la manifestazione del rimpianto. Barbara Baraldi, con la sua scrittura efficace e scorrevole, ci porta all'interno di una vacanza estiva, una vacanza che non è desiderata, ma imposta e sofferta.
    Matilde, la ragazza protagonista della vicenda, nei capitoli affronterà un viaggio che la farà crescere e maturare, cambiare opinione su luoghi e persone, mentre lo scontro coi genitori arriverà fino alla resa dei conti finale, che regalerà comprensione e cambiamento.
    Questo romanzo è avvolgente come un sogno, con punti inquietanti come gli incubi, ma possiede la potenza e la vitalità dell'esistenza: la trama cattura e non molla, capace di rendersi interessante in ogni passaggio, da quelli in apparenza più insignificanti a quelli più profondi che invitano alla riflessione.
    Quante incomprensioni esistono tra genitori e figli, dove anche le piccolezze sono motivo di conflitto e malumore. L'errore iniziale è da parte degli adulti, che considerano i ragazzi sempre bambini, troppo piccoli, troppo fragili per capire e per essere messi a parte dei dolori e delle difficoltà. Ma i figli hanno forza da vendere e risorse insospettabili, che attendono solo il momento giusto per uscire. Matilde lo dimostrerà, trovando il coraggio e l'indipendenza di chi passa dalle carezze materne, sempre ricercate, allo sprone per uscire da un fango che immobilizza nel dolore, trascinando tutti verso il fondo, lontano dal cielo. Sarà proprio lei a scambiare con la madre parole che daranno il via al confronto. Non si può crescere in una campana di vetro, bisogna camminare con le proprie gambe, magari cadere, ma solo così si imparerà a rialzarsi. "Un sogno lungo un'estate" ha una trama sfaccettata che è tipica del romanzo di formazione, ma possiede l'intrigo di un mistero da svelare, di un segreto da portare alla luce del sole e lo spirito avventuroso di un tesoro da trovare interpretando correttamente gli indizi. I personaggi sono tutti fantastici, importanti per trasmettere, prima inquietudini e far nascere interrogativi, poi per dare importanti ed efficaci insegnamenti. Matilde imparerà che "il coraggio si guadagna facendo le scelte giuste, giorno per giorno", riuscendo a dire le parole che il cuore troppo spesso cela per timore della sofferenza.
    Questo imparerà dal rapporto coi genitori, la zia, e i ragazzi che durante la vacanza in campagna conoscerà, trovando finanche l'amore.
    Conflitti, sentimenti, segreti, spine che si piantano nel cuore attendendo il sollievo di venirne liberati. Ha tanto questo scritto dentro di sé, e viene elargito al lettore in maniera graduale, per essere completamente assorbito ed interiorizzato.
    Tra le sue pagine impareremo il valore della memoria, di un segno da lasciare dopo di noi, perché "un uomo senza memoria è un uomo perduto", ma sopra ogni cosa ci ricorderemo quanto gli affetti sono sempre presenti vicino a noi, quanto sia importante ricordare: il dolore può essere lacerante, ma pian piano si stempera per trasformarsi in dolce struggimento e consolazione. Matilde ci insegnerà ad aprire lo scrigno dei ricordi, per tenerli accanto a noi ogni giorno, non lontani, su uno scaffale impolverato.
    E' un'opera che si ama, assolutamente consigliata a tutti!
    (Tatiana Vanini)

    Citazioni da questo libro:
    "La vita a volte fa paura. Ma le paure vanno affrontate per superarle. Permettimi di affrontare le mie paure. Permettimi di sbagliare. E di imparare dai miei errori."

    "Si perde davvero chi si ama solo quando non lo si ricorda più"


    Della stessa autrice:
    Sentenza artificiale
    L'ultima notte di Aurora
    Osservatore oscuro



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy