Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Poesia

Trama:
La chimica e I genocidi del Novecento, l'epica omerica e gli Internet café di Shibuya, Michelangelo e i gatti passando per Ezra Pound, i NoTav e il Kendo, compatti come lattine di un distributore automatico di versi: diario di viaggio, pacati armistizi con l'imprevisto e l'imprevedibile: la Porta rossa.

Recensione:
Viviamo in un mondo caotico, veloce, in un frullatore di notizie, immagini, azioni e Furio Detti lo capisce, lo respira e lo scrive.
Quest'opera ha, nel suo essere figlia di questi tempi senza pause, la sua caratteristica e la sua peculiarità.
Il materiale è preso da ogni dove, dalla propria anima, dalla mitologia classica, da fatti contemporanei e persino dalla cultura giapponese (immancabili kanji disseminati tra le pagine) e costituisce la materia da modellare e utilizzare per i propri fini artistici.
Il poeta opta per una varietà delle forme poetiche arrivando a utilizzare anche gli haiku.
Tutto è piegato al proprio volere, con abilità, maestria e tecnica. E', tra le opere contemporanee, un raro esempio in cui il verso libero non spadroneggia; ne consegue una musicalità piacevole e un ritmo quasi sempre serrato, che accompagna la lettrice e il lettore come una marcia.
La raccolta è quadripartita: Partenza, Giappone, Ritorno e Prosa.
Il poeta si giostra tra italiano e inglese senza nessun problema e sfruttando ottimamente le qualità linguistiche di entrambi.
Quando si accosta alla cultura del Sol Levante dà il meglio di sé e riesce a toccare una profondità d'animo che, in altre parti, manca un po'.
Non si risparmia nemmeno con la prosa, anche se è il terreno in cui le sue qualità fioriscono meno.
Regnano Bukoswki e D'Annunzio, il primo per la vivacità e per lo stile pulp, se non addirittura punk in certi punti e il secondo per l'estrema attenzione formale che va, in alcuni punti, a scapito del contenuto.
Lettura interessante e modernissima, a tratti non proprio matura, ma comunque di pregio.
Per chi scrive, paradigma dell'opera è san, forse il componimento meglio riuscito, mentre il punto debole è un'eterogeneità che è stata volutamente scelta come marchio artistica, ma che è un po' sfuggita di mano.
(Paolo Tognola)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy