Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


All'orizzonte, i fari
di Anna Maria Di Brina

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: La Vita Felice - 113 pagine
    Disponibile in formato cartaceo




  • Genere: Poesia

    Trama:
    "Sempre all'orizzonte risplendono/ i fari."
    L'immagine misteriosa del faro, simbolo antico di speranza e d'approdo, ma anche meta irraggiungibile, oggetto di un desiderio teso inevitabilmente all'altrove, introduce con forza iconica a questa silloge di Anna Maria Di Brina. Come cogliere, con la potenza originale della parola, il tempo acceso dei sentimenti, degli slanci, di intuizioni e memorie? Come trasferire il fluire tumultuoso e cangiante della vita nella musica limpida, sperimentale e giocosa del verso?
    Anna Maria Di Brina raccoglie la sfida e con gli strumenti in dote ai poeti - il ritmo e le immagini - propone al lettore un viaggio che diviene esperienza conoscitiva di grande fascino e profonditÓ. La varietÓ dei temi, dal dialogo con gli alberi, a storie di incontri e addii, a fotografie multicolori di istanti e metamorfosi, al ruolo salvifico della poesia, si esprime in un'ampia gamma di ritmi e di richiami sonori. Nella sua ricerca l'autrice risale con grazia alle origini della poesia contemporanea: rintracciabili all'orecchio attento sono echi e richiami ai classici e ai moderni, da Pascoli a Montale, da Caproni ad Antonia Pozzi.
    Prefazione di Michele Tortorici.

    Recensione:
    Noi appasssionati di poesia non possiamo che accogliere con gioia la nuova opera di Anna Maria Di Brina e ringraziare La Vita Felice per averla pubblicata.
    La poetessa ci dona una raccolta preziosa, intensa e profonda. Dobbiamo leggerla e rileggerla per coglierne i messaggi e per lasciarci incantare dalle parole.
    Sý perchÚ proprio le frasi, i vocaboli e il lessico, innalzano i contenuti scelti. Il talento nel creare musicalitÓ e nel veicolare immagini e sentimenti ha raggiunto, in questi versi, un alto livello artistico: siano componimenti lunghi, brevi, a verso libero o sonetti, la musicalitÓ e il ritmo sono controllati e scelti con maestria.
    Particolare efficacia emerge dall'uso delle rime, composte con naturalezza e senza forzature.
    La raccolta si divide in tre capitoli, "Sotto il cedro", legato a immagini naturali e da un importante carattere descrittivo, "Il tempo acceso", dal profilo pi¨ introspettivo e formalmente pi¨ sperimentale e "In Viaggio", dedicato alle relazioni umane.
    Dal punto di vista formale troviamo una Di Brina pi¨ matura e audace, capace, da una parte, di osare e proiettare la propria arte in piena contemporaneitÓ e, dall'altra, di ancorarsi alla tradizione. Questa sintesi, fusione, eleva l'opera e la colloca tra le pi¨ meritevoli degli ultimi decenni.
    Per quanto riguarda i contenuti, il ricordo e il sogno si trasformano in contenitori dei sentimenti che fioriscono, in questo l'autrice Ŕ magnifica, con mille tonalitÓ. La felicitÓ, la serenitÓ e l'allegria convivono, all'interno di questo viaggio nella propria memoria, con la delusione, la preoccupazione e la tristezza.
    Emblematiche dell'opera sono, per chi scrive: "Sera di pioggia", dalla notevole capacitÓ descrittiva, una fotografia, un disegno, un'immagine presentata nitida e dai contorni ben definiti; "Cartiera", carica di sentimento, d'amore evaporato, che lascia cicatrici e che la poetessa sa raccontare con grazia; "Come Arione", un sonetto duro, triste, dove le rime affogano ogni speranza e, infine "Un'ipotesi", una composizione breve, profonda, che cerca e trova la vera essenza del vivere e dell'essere.
    "All'orizzonte, i fari" Ŕ un'opera profonda, importante, sulla quale concentare la nostra attenzione, soprattutto in un periodo storico e in un paese come il nostro, dove il nulla erode e consuma le nostre menti e i nostri cuori.
    La poesia di Anna Maria Di Brina Ŕ colta, intensa e infinitamente elegante e si pone, a pieno titolo, come protagonista della poesia contemporanea. Pascoli, Montale, ma soprattutto la Pozzi, la Merini e, per introspezione, Pavese, le sono vicini e l'accompagnano tra i suoi versi.
    (Paolo Tognola)

    Della stessa autrice:
    Rosa come coccodrillo



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy