Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Che razza di bastardo
di Massimo Raviola

  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Independently published - 194 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Saggi

    Trama:
    Ti sei mai chiesto da dove arrivano le razze dei cani e dei gatti? Quali sono i meccanismi che regolano la selezione degli esemplari venduti? Che senso ha commercializzare degli esseri viventi? Cosa sta dietro questo mercato? Siamo davvero coscienti e informati su cosa stiamo facendo ai nostri animali? Un Medico Veterinario appassionato degli animali e della vita, si addentra sotto la superficie del sistema. E vi accompagna tra sorprese, scandali e dubbi.

    Recensione:
    "Che razza di bastardo" è uno di quei libri che ti lascia con una strana sensazione in bocca quando finisci di leggerlo. Da un veterinario ti aspetti che scriva di animali, ma invece ti rendi conto che Massimo Raviola scrive, forse, più di noi esseri umani, e quello che scrive non è facile da digerire.
    Tutti sanno che cosa di si intende per cane (o gatto) di razza, ma pochi hanno idea della lunga storia di sofferenza che accompagna la selezione delle razze ad opera dell'uomo, specialmente negli ultimi due secoli dove l'estetica si è fatta strada, soppiantando l'utilità e la buona salute come obiettivi principali degli allevatori, perché questo è quello che vuole il mercato.
    L'autore ci mostra come gli animali di razza, proprio a causa dei metodi di selezione, siano molto più spesso affetti da malattie genetiche di vario tipo, cardiache, articolari, oculari, del metabolismo ed altri ancora, con alcune specifiche razze dove si arriva all'assurdo di selezionare specificatamente animali malati o malformati perché la malformazione è proprio la caratteristica estetica voluta (pensate a tutti i cani col muso schiacciato o a quelli con certe proporzioni esagerate del cranio).
    "Che razza di bastardo" è uno scritto di denuncia, sia di quello che viene fatto agli animali dall'industria (perché di industria si parla) dell'allevamento, sia della nostra società consumista che compra quello per cui paga dimenticandosi del fatto che quella che si compra non è una cosa, ma un essere vivente, con le sue emozioni, la sua intelligenza e la sua anima.
    Consiglio a tutti di leggerlo, e quando avrete finito provate a chiedervi chi, nella storia recente dell'allevamento degli animali domestici, è il vero bastardo.
    (Renato Marelli)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy