Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


I segreti del cybermondo. Nel labirinto digitale nessuno è al sicuro
di Jack Caravelli e Jordan Foresi

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: De Agostini - 287 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Informazione

    Trama:
    Se sentendo parlare di cyberterrorismo, hacktivism e information warfare pensiamo che siano cose che non ci riguardano, ci sbagliamo. Il cyberspazio è parte sempre più integrante delle nostre vite, e giorno dopo giorno sta cambiando il mondo che ci circonda. Dalle ingerenze di paesi stranieri nei processi elettorali di altri Stati allo spionaggio industriale, dai ricatti in rete agli attacchi alla nostra privacy online, non c'è dimensione del nostro quotidiano che non si basi su Internet e non sia perciò esposta a rischi sempre mutevoli, spesso invisibili, ma molto più reali di quanto pensiamo. I segreti del cybermondo ci costringe ad aprire gli occhi sulla dimensione nascosta della realtà, ci mette di fronte alle possibili conseguenze dei nostri stessi comportamenti e ci suggerisce i migliori strumenti da adottare per preservare la nostra sicurezza. Raccontando casi emblematici e intriganti esempi avvenuti negli ultimi tempi, dando spazio sia ai consigli più pratici sia alle riflessioni su quanto è cambiata la nostra vita ai tempi di Internet, Jack Caravelli e Jordan Foresi sono guide nel complicato, ed estremamente affascinante, labirinto digitale in cui tutti noi ci muoviamo.

    Recensione:
    Un titolo che fa pensare ad un testo per appassionati di informatica, o comunque adatto alle nuove generazioni che vivono in simbiosi con i loro schermi luminosi condividendo ogni sorta di informazione. In verità è proprio il contrario, si tratta di un'opera che, con un linguaggio tipicamente giornalistico e di facile comprensione, spiega come l'evoluzione tecnologica di questi ultimi anni coinvolge tutti, e tutti siamo responsabili delle informazioni che diffondiamo.
    Questa idea secondo la quale noi, gente comune, non abbiamo responsabilità, è purtroppo molto diffusa persino all'interno delle grandi aziende, dove chi svolge il proprio lavoro sempre uguale da tanti anni, pensa di non dover fare attenzione a nulla, perché ci sono dei reparti appositi che si occupano della protezione dei dati e della sicurezza informatica. Invece questi due bravi autori ci raccontano, in modo quasi romanzato, quali e quanti sono stati gli attacchi informatici più disastrosi degli ultimi anni, tutti avvenuti a causa di accessi generati da persone che, in modo ingenuo e superficiale, hanno aperto una e-mail o hanno scritto informazioni e password senza la minima attenzione. Ad esempio il più grande e pericoloso attacco mai avvenuto al sistema informatico delle forze armate americane (cioè quello che controlla un certo numero di testate nucleari in giro per il mondo) è iniziato abbandonando in un parcheggio una chiavetta USB, sfruttando l'indole e la curiosità umana, certi che chi l'avrebbe raccolta (un dipendente della difesa) sicuramente avrebbe provato a guardarne il contenuto. Esempi come questi ci fanno capire che partendo da piccoli gesti imprudenti, i malintenzionati possono avvantaggiarsi raccogliendo una mole di dati capaci di creare serie difficoltà ad intere nazioni.
    Per non parlare poi dei dati personali che ognuno di noi diffonde volontariamente sui social network, dati che presi singolarmente possono apparire insignificanti, ma globalmente creano stili di vita, comportamenti e azioni che, nelle mani "giuste", sono in grado di pilotare elezioni, indirizzare governi e manipolare l'opinione pubblica sugli argomenti più disparati.
    Il futuro che ci attende può essere meravigliosamente facilitato dalle nuove tecnologie, nessuno di noi potrà più farne a meno, ma dobbiamo usarle con la dovuta prudenza perché nel mondo virtuale, esattamente come nel mondo reale, esistono "i cattivi" da cui dobbiamo imparare a difenderci e, ritornando un po' bambini, dobbiamo ripensare al vecchio e saggio consiglio di non accettare caramelle dagli sconosciuti.
    Questo testo, quindi, non è un manuale con consigli tecnici per smanettoni e non è scritto per chi lavora quotidianamente con la sicurezza informatica. Al contrario, è scritto proprio per chi pensa di non aver nulla a che fare con questi argomenti, infatti leggendolo ci si renderà conto che, probabilmente, molte delle nostre scelte in anni recenti, sono già state influenzate e guidate partendo dai nostri gesti quotidiani con un telefono cellulare o con una smartTV o anche semplicemente transitando davanti ad una telecamera di videosorveglianza connessa ad internet.
    Se volete scoprire quanto la vostra vita è già condizionata da decisioni altrui, leggete questo libro e rimarrete sorpresi.
    (Norberto Loricati)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy