Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Noir

Trama:
Geronimo studia filosofia alla Normale di Pisa ma sogna di fare il disc-jockey. Libero studia matematica e cerca di sfogare la sua rabbia nel pugilato. Gigio frequenta ingegneria, ha una madre soffocante e problemi di identità sessuale. Tiziano, detto il Ghigna, è stato cacciato da casa quando ha smesso di frequentare la scuola superiore. Anima nera del gruppo, tira avanti spacciando coca, fumo e pasticche. Durante un sabato sera incappano in un posto di blocco della Polizia e fanno l'unica cosa che possono per far sparire le 15 pasticche che hanno con loro: le ingoiano tutte. L'euforia per lo scampato pericolo cede presto il passo alla preoccupazione per aver ingerito una dose eccessiva di ecstasy. Lo sballo arriva con violenza e i ragazzi non perdono solamente i freni inibitori ma anche la concreta percezione della realtà. Crimine e sangue irrompono nella vita dei protagonisti, che si trovano costretti ad affrontare un problema più grande di loro e a ripensare in modo profondo la loro condotta esistenziale. Tra equivoci, improbabili soluzioni e paranoie, i quattro ragazzi vivranno la notte più folle della loro vita, cercando di escogitare un modo per tirarsi fuori dai guai. Ma il loro piano avrà una sola controindicazione: se fallisce, rischiano di lasciarci la pelle.

Recensione:
"Io sono libero" è un romanzo distopico che sfocia nel noir hard boiled.
Francesco Barbi ha una scrittura impattante, forte, capace di calare il lettore in una giornata all'insegna della follia, dell'insensatezza, all'interno del mondo giovanile più nero, perso nello sballo e che, in questo caso specifico, sconfina nel crimine.
Cinque ragazzi sono i protagonisti di questo romanzo, ambientato nel 1997 tra Pisa e provincia. La tragicità della trama sta proprio in queste giovani vite, che potrebbero avere tutto: risultati soddisfacenti all'università o nello sport, premesse che parlano di una successiva maturità e un ingresso nel mondo adulto con tutte le carte per avere una realizzazione. Speranze, che vengono compromesse nelle percezioni alterate della droga, dell'alcool, tutto per avere una serata alla grande in quelle discoteche, templi del divertimento nell'immaginario collettivo, bolge infernali della perdizione nella realtà.
Pasticche di acidi prese come caramelle, piste di droga aspirate come zucchero, alcoolici per mandare giù il tutto, musica ad alto volume con quei bassi che entrano nel corpo e nel cervello sempre più sconvolto, vocalist che ripetono frasi prive di senso. In questo basta un amico strafatto coinvolto con spacciatori più grandi e sgamati per finire in un mare di guai.
Situazioni solo in apparenza surreali, perché purtroppo certe cose possono davvero capitare, ci attirano in una spirale discendente ad alta velocità, dove è impossibile prevedere cosa succederà. Tentativi di uscire dal baratro che, grazie all'alterata percezione data dalle sostanze, fanno ancor più precipitare nell'abisso che mette in gioco le vite di tutti i protagonisti.
Una struttura con discorsi dove troviamo intercalari dialettali uniti a personaggi che ci rendono partecipi delle scelte, delle decisioni, dei timori, ci regala una completa immersione nel clima narrativo, facendoci sobbalzare sulla sedia per la pazzia di certi gesti. Un senso di libertà assolutamente illusorio, menzognero, per questi ragazzi che si comportano come un branco di scimmie senza criterio, scimmie spaziali come si definiscono loro stessi, perché sono fuori dal mondo, fuori come balconi, pieni di droga e privi di buon senso.
Avvincente, imprevedibile, "Io sono libero" è un'opera dura e cruda, che regala azione e invita alla riflessione con un senso di tristezza e rabbia, per tanta stupida superficialità.
(Tatiana Vanini)

Dello stesso autore:
L'acchiapparatti
Il burattinaio



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy