Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


L'apprendista di Goya
Sara Di Furia

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: La Corte Editore - 301 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    Madrid 1791, l'arte fiorisce sotto l'occhio vigile dell'Inquisizione. Manuèl Alvèra vive e lavora nel colorificio di famiglia, abile come nessun altro nella miscelazione dei pigmenti. Goya in persona, un giorno, colpito dalla sua abilità, lo richiede al padre come apprendista con la promessa di farlo diventare un pittore di fama. Intanto, nel giro di poco tempo, in città vengono ritrovati diversi cadaveri, tutti di famosi artisti madrileni assassinati secondo il medesimo modus operandi: il corpo massacrato, denudato e scuoiato. Madrid è in subbuglio e mentre l'inquisitore attribuisce la responsabilità di quanto sta accadendo al mero peccato di vanità commesso dai pittori, Manuèl inizia ad avere il sospetto che proprio Goya sia coinvolto negli omicidi. Studiando l'opera del maestro per emularne il genio, il ragazzo scopre infatti un terribile segreto, che gli permetterebbe di raggiungere sfumature di colore mai viste per la realizzazione della pelle delle sue modelle. In breve il giovane apprendista si ritrova a essere vittima e al contempo complice di una spirale di bugie e segreti sempre più intricata, che metterà in discussione tutta la sua vita. Sullo sfondo di una Madrid impregnata di fervore artistico e untuosa religiosità si snoda la vicenda più cruenta che il mondo dell'arte abbia mai conosciuto.

    Recensione:
    Genio e follia. Bellezza e morte. "L'apprendista di Goya" è un romanzo potente dove l'atmosfera storica resa con realismo, e i personaggi pregni di profondità, ci prendono per mano per condurci in un'esperienza letteraria dove il presente e il passato si fondono.
    Terza opera dell'autrice bresciana, con questo libro Sara Di Furia convince ancora una volta con la sua innegabile bravura, per la capacità di trasportare all'interno di una narrazione scandita da un ritmo preciso, dove mistero e segreti invogliano a sfogliare le pagine.
    Madrid, con la sua estate bollente, rinasce nella mente più vivida delle nostre città odierne, con i suoi scorci, gli odori e i colori del 1791: le processioni sacre con i loro paramenti accanto agli spettacoli dei gitani dagli abiti sgargianti e dai modi disinvolti ed illeciti; l'eccitazione della corrida e quella segreta, taciuta e negata, che si prova nei "lupanar"; la grandiosità della corte e la reverenza suscitata dai pittori. In una città dove sacro e profano si mescolano contendendosi i cuori degli uomini, non sorprende che accanto al profumo della vita cammini il tanfo della morte. E la nera signora arriva, nelle sembianze di cadaveri mutilati, per mano di "El diablo" il nome che la gente ha dato all'assassino che, impunito, si aggira per le strade.
    In tutto ciò c'è lui, distante, intoccabile, inarrivabile: Francisco Goya. La sua arte è ossessione, perfezione. I suoi colori brillanti, avvolgenti, così forti da far male suscitano al contempo la necessità di continuare a guardarli, come un assetato alla fonte o una falena alla fiamma. L'autrice dipinge con le parole un ritratto dell'artista che gli dà un corpo (malato), un'anima (tormentata) e uno sguardo (allucinato). Misterioso, carismatico, terrificante, ammaliante. Un genio, un folle; un uomo, un dio. Sara Di Furia lo rende così bene che verso di lui proviamo repulsione e protezione insieme, ne subiamo gli influssi come accade al suo giovane apprendista Manuel. Al contrario di Goya, Manuel ci appare limpido, ingenuo, un diamante grezzo capace di creare pigmenti unici e con la visione dell'artista. La sua volontà di divenire pittore di corte lo avvicina a Goya, all'inizio un sogno che si avvera, poi sempre più un incubo che nasconde angoli bui nei quali sarebbe meglio non addentrarsi.
    Il lettore si trova a vivere un transfert con Manuel, scoprendo con lui verità sconvolgenti che lo porteranno a cambiare il suo sguardo sul mondo e a rivedere perfino le sue certezze. Un cammino dentro la pittura che diviene comprensione dei diversi aspetti della vita.
    Ne "L'apprendista di Goya" scopriamo un trionfo di sentimenti, tutti i volti dell'amore, dalla spinta più pura e nobile, alla più oscura e malata. L'arte è abbandono totale, la famiglia è devozione incondizionata e certi segreti devono rimanere tali.
    Un romanzo che non potrete abbandonare, fino all'ultima pagina rivelatrice.
    (Tatiana Vanini)

    Della stessa autrice:
    Jack



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy