Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


L'estate che cambiò tutto
di Beth Lewis

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: La Corte Editore - 413 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Narrativa straniera

    Trama:
    Tutto iniziò quando trovarono il corpo. Era l'estate torrida del 1971 e da quel momento niente sarebbe stato più lo stesso. John, Jenny, Rudy e Gloria vivono a Larson, una piccola cittadina del Midwest, dove i ragazzi poco più grandi di loro stanno partendo per il Vietnam e dove tutto sembra immobile. Sognano di fuggire lontano aggrappandosi alla loro amicizia, ma un pomeriggio si imbattono nel cadavere di una giovane donna. E' chiaro che si tratti di un omicidio ma a nessuno sembra importare. I quattro amici cominciano a indagare e a scavare sempre più in profondità, scoprendo verità che mai avrebbero voluto immaginare. Paranoia e violenza iniziano a prendere il sopravvento. Mentre la madre di John e Jenny sembra perdere sempre più il controllo sotto l'effetto del whisky, il padre di Rudy non lesina atti di vero terrorismo nei confronti del figlio e dei suoi amici che stanno facendo troppe domande. Le estati si susseguono, e insieme al caldo implacabile, una profonda oscurità avvolge Larson e i quattro ragazzi impareranno che, a volte, i segreti è meglio che rimangano sepolti.

    Recensione:
    Benvenuti a Larson, ridente cittadina americana in quella che viene chiamata "la cintura del mais", dove tutti si conoscono, si sostengono, si aiutano, dove i ragazzini giocano felici tra i campi coltivati e i corsi d'acqua.
    Un ragazzo cammina lungo la strada. E' scalzo, indossa una maglietta sporca di sangue e dice "L'ho uccisa". Una frase lapidaria e si torna indietro nel 1971 in quell'estate che cambiò tutto.
    Benvenuti nel romanzo più ipnotico, oscuro ed affascinante che vi capiterà di leggere.
    Beth Lewis costruisce la sua opera scrivendola in prima persona, nei panni di Johnny, il giovane protagonista. Raramente le narrazioni così riescono a coinvolgere, a risultare convincenti, ma l'autrice compie un piccolo miracolo narrativo e il lettore diventa Johnny, ne sente le emozioni, ne condivide le sensazioni, le inquietudini, i dubbi, le frustrazioni e l'orrore. Una costruzione psicologica profonda, che parte dal piano più superficiale ed esterno fino a scendere nell'intimo della mente, dell'animo, raccontando, rendendo chiaro, immediato, empatico ogni capitolo.
    Una trama che si dipana lungo l'arco di tre anni, tre estati che sprofondano la cittadina di Larson e i suoi abitanti in una dimensione infernale. L'effimera, splendente e menzognera patina di legalità e civiltà viene sgretolata via, un pezzo alla volta da quattro adolescenti che vogliono scoprire la verità su quel cadavere trovato per caso, una trama che permette di indagare sull'impatto che quella scoperta ha su ogni abitante. Da Jenny, la sorella di Johnny, ossessionata e affascinata da quella morte violenta, che scivola tra le pieghe della follia e della sanità, mentre il fratello tenta in tutti i modi di tenerla agganciata a sé, proteggerla da una madre ubriaca e rancorosa, con troppi uomini sbagliati nella vita, a Rudy con quel padre violento e criminale che non esita a spezzargli un braccio; Gloria e il suo spirito ribelle, con quel papà ricco ed affermato avvocato, ragazzi che giustificano i comportamenti sbagliati dei genitori, li scusano, perché li amano, perché hanno solo loro, perché il buio non e ancora sceso sulle loro anime, come ha invece infettato i cuori di tutti gli altri, chiusi, serrati, conniventi, in un patto scellerato dove un omicidio è il male minore.
    La lontana guerra del Vietnam che allunga i suoi tentacoli di paura anche in quel piccolo angolo di America, trasformando stelle del liceo da eroi del football in futuri soldati spaventati in cerca di una via di fuga, disperazione che porta distruzione, lutti ed emozioni che stringono lo stomaco, fanno rabbrividire, mentre pian piano la verità contro tutto e tutti viene a galla, faticosamente, silenziosamente. Una realtà muta, imbavagliata, minacciata, perché certe cose non si possono dire, non si possono punire e allora zitti, teste basse, c'è un bene superiore da difendere o meglio, un altare di un dio scellerato da proteggere.
    "L'estate che cambiò tutto", è un romanzo intenso, avvolgente, coinvolgente. Impossibile da abbandonare, trascina nella sua dimensione. Dopo che lo avrete letto nulla sarà più come prima. Straordinario.
    (Tatiana Vanini)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy