Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Thriller

Trama:
Dopo dieci anni trascorsi a Londra nella squadra omicidi, il detective Ben Kitto decide di dare le proprie dimissioni: la sua partner, Clare, è morta e lui non riesce a darsi pace per non essere riuscito a salvarla. Decide così di rifugiarsi sull'isola di Bryher, dove è nato e cresciuto. Si tratta della più piccola isola abitata dell'arcipelago delle Scilly, a largo della Cornovaglia. Ha appena novantotto abitanti, che per la maggior parte si mantengono con la pesca, la costruzione di barche o il turismo estivo lavorando al pub o nell'unico hotel. Anche Ben vorrebbe dedicarsi insieme allo zio Ray al lavoro nel suo cantiere navale, per dimenticarsi in fretta del suo passato. Quello che non sa è che i suoi piani verranno totalmente stravolti quando il corpo della sedicenne Laura Trescothick viene trovato sulla spiaggia di Hell Bay. Il suo aggressore si trova sicuramente ancora sull'isola dato che nessun traghetto ha potuto navigare a causa di una tempesta che dura da giorni. Tutti sull'isola sono sospettati. Segreti oscuri stanno per affiorare. E l'assassino potrebbe colpire di nuovo, in qualsiasi momento.

Recensione:
Un thriller che gioca sul sospetto e l'atmosfera, per creare una trama ricca di ombre che avviluppa e affascina.
"La baia" è ambientato nelle isole Scilly, al largo della Cornovaglia, in particolare sulla piccola Bryher, abitata da un centinaio di persone. In posti così isolati e ristretti è inevitabile che ci si conosca tutti. I residenti sono più che vicini ed amici, sono una grande famiglia allargata, e come in tutte le famiglie ci sono le luci e i segreti.
L'autrice è bravissima a trasmettere la particolarità di questo microcosmo, la vita isolata, dura, con l'economia che agonizza e trova respiro solo nei mesi estivi sotto la spinta del turismo. La popolazione invecchia e i giovani qui non troveranno realizzazione, come gabbiani dovranno prendere il volo, raggiungere la terra ferma e lottare per la libertà, per affermarsi, per avere nuovi e più vasti orizzonti da esplorare.
A volte bisogna allontanarsi, permettendo al cuore e all'anima di indicarci nuovamente la via di casa, quando le cose si faranno insopportabili, lo sa bene l'ispettore Ben Kitto, il protagonista della storia. Tornato sull'isola dopo un periodo nero a Londra, ha bisogno di riprendere il contatto con le sue radici, di calma e pace. La scomparsa prima, e l'omicidio poi, di una ragazza del posto lo porteranno a fare ciò che sa fare meglio: indagare.
Capitoli in prima persona con Kitto come io narrante, permettono al lettore di entrare nell'intimo di questo ispettore tormentato dal senso di colpa, nato dal suo recente passato, e dal dispiacere di vedere in ogni amico di anni un sospettato. Sull'isola non c'erano estranei, quindi il colpevole è lì, in quella manciata di persone: ha partecipato alle ricerche, ha mostrato cordoglio e orrore per la morte, ha assistito ai funerali. Si nasconde in piena vista e si aggira di notte per i sentieri, lanciando sfide a chi indaga, lasciando messaggi direttamente sulla sua porta di casa.
Le Scilly da oasi di bellezza e tranquillità diventano così gabbie dove gli abitanti si dibattono tra vari problemi criminali: la droga, l'acquisizione violenta, gli abusi, la solitudine, la violenza. In un clima omertoso e sospettoso, i personaggi sono costruiti con profondità e realismo, con caratteri forti come il granito delle coste, formidabili barriere dove il mare e il vento prima o poi scavano solchi, crepe, in grado di causare improvvisi e i tremendi cedimenti.
La natura e l'uomo: un binomio capace di sorprendere, e in questo romanzo niente è come appare, nemmeno la verità. Perché a volte sarebbe meglio non sapere piuttosto che affrontare certi eventi come la confessione del colpevole.
Il ritmo de "La baia" vi entrerà nel sangue, vi farà sentire sulla lingua il sapore del sale ed alzerà brividi sulla pelle. Siete pronti a scoprire i segreti di Bryher? Seguite Ben Kitto in questo caso e preparatevi a cambiare idea su molte cose...
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy