Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


La cena segreta
di Javier Sierra

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: DeA Planeta Libri - 398 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    Gennaio 1497. L'arrivo di alcune lettere anonime contenenti inquietanti insinuazioni getta la corte di papa Alessandro VI nello scompiglio. A Milano, nel refettorio di Santa Maria delle Grazie, Leonardo da Vinci starebbe ultimando la realizzazione di un'opera dal contenuto blasfemo se non addirittura diabolico. L'affresco dell'"Ultima cena", infatti, presenta anomalie a dir poco sconcertanti: sul capo di Cristo e degli apostoli non vi è traccia di aureola; sulla tavola non si vedono il pane e il vino dell'eucarestia; e come se non bastasse l'artista ha avuto l'ardire di ritrarre se stesso nell'atto di dare le spalle a Gesù. Padre Agostino Leyre, inquisitore domenicano esperto nell'arte di interpretare messaggi cifrati, viene inviato d'urgenza nella città lombarda con il compito di fare chiarezza e di scoprire cosa abbia spinto il maestro toscano a stravolgere il testo biblico e a disattendere le aspettative dei committenti. E se Da Vinci fosse un eretico? Mentre una serie di efferati delitti semina il panico dentro e fuori le mura di Santa Maria delle Grazie, con il procedere delle indagini appare sempre più chiaro che l'"Ultima cena" nasconde un messaggio capace di sfidare i fondamenti stessi della dottrina cristiana. A quindici anni dalla sua prima comparsa, torna il romanzo in una nuova edizione ampliata e arricchita da immagini.

    Recensione:
    Un libro affascinante, scritto e tradotto in modo impeccabile, contenente riferimenti storici precisi e puntuali ed un gran numero di illustrazioni di pregio. Nella trama di questo bel romanzo storico, francamente definibile un thriller ambientato in epoca rinascimentale, l'autore mescola sapientemente fede ed arte, eresia ed intrigo, spionaggio ed occultismo, filosofia greca e mitologia egizia, segnologia e scienze esatte, con l'aggiunta di una minuscola parentesi amorosa.
    Il protagonista principale, Padre Leyre, frate domenicano al servizio del Santo Uffizio, ovvero della Santa Inquisizione, parla in prima persona e narra di una singolare vicenda accaduta nella Milano degli Sforza, in concomitanza con il tragico e prematuro decesso di Beatrice d'Este, consorte di Lodovico il Moro. Quest'ultimo funge da comprimario di Padre Leyre unitamente ai religiosi che popolano il convento di Santa Maria delle Grazie e ad un personaggio d'eccezione: Leonardo da Vinci. E' proprio lui ad essere oggetto delle speciali attenzioni di Padre Leyre, unitamente ad uno dei suoi capolavori: L'Ultima Cena. Il racconto si svolge tra le città di Milano e Roma con un breve ma significativo excursus in una località alle porte della capitale lombarda, oggi fortemente urbanizzata, campestre e selvaggia ai tempi della narrazione. L'epilogo vede Padre Leyre ormai anziano, ma irriducibile, impegnato in una personale e defatigante ricerca di verità lungo le rive del Nilo. La vicenda milanese, ancorché pienamente risolta dal punto di vista del contesto, ha suscitato nell'animo dell'integerrimo servitore della Chiesa canonica una serie di dubbi ed interrogativi che richiedono chiarimenti e risposte prima del suo incontro con l'Infinito.
    Il mistero aleggia costantemente, impregna tutte le pagine e coinvolge il lettore, suscitando attimo per attimo forte curiosità e pathos. Per la numerosità dei personaggi coinvolti e per il continuo susseguirsi di dubbi, scoperte, contraddizioni e rimandi a culture di altre terre e di altre epoche, questa lettura si addice a coloro che amano dedicare un'attenta partecipazione alle vicende narrate, senza concedersi alcuna distrazione; le emozioni suscitate sono forti, a volte dirompenti. L'autore ha saputo descrivere anche i passaggi più inquietanti con uno stile impeccabile per perfezione linguistica e sobrietà espressiva, motivo per il quale mi complimento vivamente con lui.
    A mio avviso, questo libro è destinato ad essere particolarmente apprezzato da coloro che dispongono di una conoscenza sufficientemente vasta da poter comprendere pienamente e prontamente il significato dei numerosi riferimenti alle diverse discipline filosofiche, scientifiche, fideistiche ed esoteriche che si intrecciano fra loro nella trattazione.
    Particolarmente interessante, secondo il mio personale punto di vista, il raffronto tra le figure del Cristo e di Maria Maddalena da un lato e delle divinità egizie Iside ed Osiride dall'altro, un argomento sul quale mi sono soffermata a lungo e con stupito compiacimento. Parimenti entusiasmante è risultata ai miei occhi l'analisi dei segni nell'arte e nell'architettura, una disciplina che mi ha semplicemente affascinata.
    (Angelarosa Weiler)

    Dello stesso autore:
    Fuoco invisibile



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy