Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Neanche gli Illuministi emettono più fattura
di Michele Antonelli

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Elison Publishing - 82 pagine
    Disponibile in formato ebook




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Nacque per caso l'idea di mettere insieme una raccolta di situazioni in cui il non-sense si fondesse col gioco di parole, portando al rovesciamento di una realtà nella quale sia il mondo ad adattarsi al linguaggio e non viceversa.
    Ad ognuno degli undici racconti corrisponde una differente situazione, che rappresenta il vero unico punto fermo attraverso il quale al lettore è consentito un appiglio narrativo: un appartamento, una telecronaca, un bar, un sottomarino..., dove anche il fattore tempo appare come elemento del tutto ininfluente, e nel quale si muovono uno o più protagonisti, i quali si trovano a fare i conti con una realtà in continuo divenire, farcita di personaggi dalla natura più imprevedibile e mutevole: oggetti, persone, concetti astratti.
    Il linguaggio è un uso ricreativo della parola, dove la grammatica, non più una rigida gabbia, divenga un sistema di regole del quale farsi beffe, aprendo un enorme spazio da gioco. La formula è dunque quella di giocare con la metrica, la punteggiatura e la morfologia delle parole, mettendo a frutto la lezione Patafisica nel prendere in giro tutto ciò che è empirico e demolire sistematicamente chi si prende troppo sul serio.

    Recensione:
    "Neanche gli illuministi emettono più fattura" di Michele Antonelli, è una raccolta di racconti apparentemente votata all'espressione di un nonsense ricco di vuote parole fini a se stesse, una serie di divertissement narrativi privi di scopo o significato, in realtà è una sorprendente prova di estro e creatività in cui trovate bizzarre e surreali si intrecciano a riflessioni esistenzialiste, tanto minimali nella forma quanto profonde nel contenuto...
    L'Autore dipinge una realtà deformata, dove i protagonisti dei racconti si muovono spinti da una necessità caricaturale che paradossalmente li fa emergere nella loro verosimiglianza. Il risultato è una sorprendente alternanza tra gioco letterario e riflessione.
    L'eterogeneità dei racconti si contrappone all'omogeneità del processo creativo, si potrebbe definire un processo infettivo in cui l'Autore parte da un'idea che cresce e abbatte le difese rigide del pensiero e della scrittura tradizionale. La gamma delle fonti di ispirazione è ampia: la scena di un film, una battuta, il ritornello di una canzone, un proverbio, uno spot pubblicitario e i libri.
    Grazie a questo stile originale, ricco e sincopato, la lettura di ogni storia diventa una corsa forsennata dalla prima all'ultima parola. Pur nell'ampia varietà di forme e artifici narrativi che differenziano i racconti, i personaggi rappresentati sono estremi, caricaturali, capaci però di mettere in luce, in una sorta di processo per antitesi, la reale natura del l'essere umano.
    Un elemento comune a tutti i testi della raccolta è un costante senso di urgenza, di necessità impellente. Siamo esseri umani, diversi dagli animali, grazie alla necessità, è scientificamente provato: ogni conquista, sia tecnologica che sociale, è figlia della necessità. Anche essere umani, a ben vedere, è una necessità quindi la necessità ha fatto anche cose buone, mutuando una terminologia del dibattito politico odierno.
    Tratto distintivo dell'opera, evidente già nella scelta del titolo, e successivamente dei titoli dei racconti, è il gusto per i giochi di parole, le ambiguità semantiche, la polisemia, che nasce dalla voglia di prendere in giro la realtà. A volte cambiando una lettera, o mutandone l'accento, si stravolge una lettura o si crea qualcosa di buffo. Proprio questa tendenza produce nel lettore un senso di straniamento, quando si ritrova a domandarsi se il senso attribuito alla storia sia corretto o meno e ripercorre a ritroso quanto appena letto, alla ricerca di prove a sostegno della propria prima impressione, chiedendosi se sia soltanto frutto del bisogno umano di riempire di significato qualcosa che, in questo caso, dichiaratamente, non ce l'ha.
    A Antonelli piace giocare con il lettore che, per regolamento o per tendenza, deve vedere un sostrato di significato dove non c'è e tutto si esaurisce nel significante. Proprio i significanti, le parole, all'interno del racconto, che ha di per sé un'importanza relativa, hanno importanza assoluta.
    Undici racconti che esplorano la lingua e le sue sottigliezze in uno stile giocoso, espressivo e turbolento, pazzo, insolito e diabolicamente seducente. "Filippo il bello si faceva bello per il ballo e non s'accorse di Nulla che intanto lo guardava con occhi vacui dallo spicchio di uno specchio appeso a caso col peso dipeso dal vaso di raso".
    Buon viaggio nella terra delle parole, del neologismo, della malizia e del ritmo.
    E ricordate: un amico contrariato è "ocima"
    (Luisa Debenedetti)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy