Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Romanzo storico

Trama:
Al termine della Seconda guerra mondiale, due ebrei feriti sono ricoverati nella stessa clinica. Uno ha perso la memoria, l'altro l'uso delle gambe. Durante la degenza, tra i due si instaura una profonda complicità e insieme decidono di vendicarsi dei gerarchi nazisti di Buchenwald, in particolar modo dell'ufficiale Eike Aumann. I loro movimenti attirano però le attenzioni del comandante della polizia militare americana Berger e di un altro ebreo deportato, ormai noto come il Cacciatore di nazisti. Il destino dei quattro uomini si compirà al termine delle rispettive ricerche, quando giungeranno nel covo di Aumann.

Recensione:
Un thriller, un romanzo storico, un libro incentrato sui ricordi per ricordare, conoscere e non dimenticare. Avvincente e commovente è "Ricorda il tuo nome".
Ambientato nella Germania post bellica, trasporta il lettore all'interno dei campi di concentramento, tra quegli ebrei che sono stati brutalizzati, umiliati, distrutti nell'animo prima ancora che privati della vita e della dignità.
Sopratutto nella prima parte, la scrittura fortemente evocativa dell'autore, fa vivere l'orrore di ciò che nemmeno una fantasia malata potrebbe concepire, un incubo lungo anni, terribile perché vero. La testimonianza del personaggio di Saul, che vive nel racconto dei suoi ricordi, fa rabbrividire. Le sue parole danno spessore alla paura, al freddo, alla fame, alle violenze.
Il compagno di Saul, colui che ha perduto la memoria ed è privo di identità, è un personaggio emblematico, un protagonista misterioso sul quale si basa tutta la seconda parte del romanzo, thriller nella sua caccia vendicativa. Il lettore è portato a fare ipotesi sulla sua identità, seguendo gli indizi, le incongruenze che vengono disseminate tra le pagine, tanto da arrivare ben prima della fine a capire di chi si tratta. Non un svista, ma eventualità voluta dall'autore, che pone l'accento sulla complessità dell'essere umano, sulle motivazioni che lo spingono a certe azioni, sulla sottile linea che separa il bene dal male, confine a volte netto, altre più sfumato.
Avvincente, sempre interessante, con un ritmo narrativo sempre alto, regala una lettura profonda, ricca di riflessioni, importante perché ennesima testimonianza di una parte di storia che è doveroso conoscere e considerare, proprio perché vera, alla faccia di coloro che ancora oggi affermano che l'olocausto non è mai avvenuto.
"Ricorda il tuo nome" resterà a lungo nelle menti dei lettori, entrerà nei cuori, facendo vibrare le anime all'unisono con i personaggi. Un libro terribile e splendido.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy