Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Triality show. Giuria impopolare
di Davide Schito

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Dbooks.it - 168 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Fantascienza

    Trama:
    #TheJury è il primo triality show della storia, il culmine di un cammino politico e sociale guidato da una forza politica che si prefigge di abbattere le istituzioni ormai logore di un sistema dominato da abusi e corruzione. Adesso, grazie a un programma televisivo, la giustizia è nelle mani del popolo, chiamato a decidere se Stefano Longhi, anonimo maestro elementare, è davvero un mostro capace di atti innominabili oppure un povero uomo innocente. E così, mentre di fronte alle telecamere si avvicendano i testimoni, ognuno con la propria porzione di verità, dall'altra parte dello schermo milioni di spettatori - il dito appoggiato sul telecomando - sono pronti a emettere la loro inappellabile sentenza. "Triality show" è un romanzo che disegna un futuro prossimo dove la giustizia è amministrata in prima serata e la verità è una questione di share. Un futuro forse più vicino di quanto non vogliamo credere.

    Recensione:
    Un giallo, un romanzo sociale, un libro di fantascienza e uno scritto di denuncia. Tutto questo è "Triality show"
    Davide Schito ci porta in un futuro prossimo, tra quattro anni, e mentre gli IPhone sono arrivati al numero 12 e la tv si fa su internet, anche i processi subiscono una svolta: per la prima volta saranno in televisione, mentre giudici, avvocati e giuria saranno il pubblico.
    In una società che si conosce sui social, che segue con passione i reality, che decide nei salotti o sui giornali chi è colpevole e chi no, il passo del processo gestito solo dal popolo è un futuro spaventoso, ma possibile.
    L'autore comincia descrivendo il caso, il crimine, anzi riportandone l'articolo del giornale. Da qui alterna i pensieri dell'accusa alle testimonianze nel processo reality e le vicende di alcuni telespettatori.
    Una costruzione del romanzo a 360 gradi che mostra con orribile concretezza cosa può essere da qui a qualche anno: testimoni che soccombono al quarto d'ora di celebrità parlando di loro stessi, dei loro problemi, relegando in poche parole inutili il tema centrale, ovvero la vittima e colui che è accusato. Gli spettatori non sono da meno. Presi dalla loro quotidianità non ascoltano, non si interrogano e votano con la facilità di un gesto consueto, schiacciando un tasto del telecomando o dello smartphone, inconsapevoli e incuranti di decidere il destino di un uomo.
    E il presunto colpevole? Incapace di concepire una simile bagarre, impossibilitato a qualunque difesa, osserva annichilito il decidersi del suo destino. Con questa struttura, e grazie ad una scrittura fluente che incatena una parola all'altra in modo suggestivo, "Triality show" si rivela un romanzo innovativo di grande interesse, capace di calamitare l'attenzione del lettore e di far porre domande che sfociano in considerazioni da brividi come il miglior thriller.
    E' davvero democrazia lasciare tutto in mano ai cittadini, senza preparazione, motivazione e controllo?
    E' sintomo di evoluzione condannare o assolvere qualcuno lanciando occhiate distratte allo schermo mentre al bar si sorseggia un drink?
    E' giustizia non basarsi su prove oggettive ed indagini?
    L'accusato è colpevole o innocente? Ma poi interessa davvero?
    Consigliato a chi ama usare la testa, farsi un'idea ragionando e vagliando le informazioni. A chi ai reality preferisce una biblioteca. A chi legge e pesa ogni suo gesto, anche quello di premere un tasto.
    (Tatiana Vanini)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy