Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Tu l'hai visto Easy Rider?
di Giordano Vezzani

  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Pubblicazione indipendente - 427 pagine
    Disponibile in formato e-book




  • Genere: Narrativa

    Trama:
    Il titolo si spiega nel culto del protagonista per il film che rappresenta la voglia di libertà in un mondo oppresso dai condizionamenti e dai pregiudizi.
    Un gruppo di giovani cresce e diventa adulto tra gli anni sessanta e la fine del secolo scorso.
    Riccardo, Ric, è l'io narrante che tesse i rapporti con gli altri personaggi. La sua queste è la voglia di cambiamento e in questa ricerca non è solo. Nel conflitto tra i problemi della vita e il proprio mondo interiore, l'esperienza può avvelenare la coscienza, mentre ciò che resta dell'innocenza, anche se non rivoluzionario, può aprire la strada al cambiamento sociale, a cominciare dal recupero di sé.

    Recensione:
    Il titolo riporta la frase che il protagonista Ric usa per fare conoscenza, in un romanzo che ci porta negli anni '60, tra le inquietudini, la voglia di cambiamento, di rivolta e ribellione.
    Il lettore si ritrova a seguire Ric nei suoi viaggi, nelle sue esperienze, accompagnato dalla sua voce che è io narrante e personaggio insieme.
    Numerosi gli incontri, come anche le riflessioni sulla società, sulla politica, sulla vita in generale. Esplorazioni del mondo che si alternano alle esplorazioni dell'io e del corpo, proposte con una scrittura che dà a certi dialoghi un sapore artificiale, poco genuino, difficile credere che dei ragazzi possano davvero esprimersi così. A ciò si associano descrizioni inerenti alla sfera sessuale che possono risultare fastidiose a molti, superflue e troppo dettagliate ad altri. Ampollosità da una parte e discese nella volgarità dall'altra rendono la lettura poco gradevole, a volte fastidiosa, a discapito della concentrazione, con la mente che si trova a divagare pensando ad altro, perché l'attenzione non viene catturata, ma allontanata.
    All'interno della trama vengono toccati anche argomenti importanti, ieri come oggi: il bisogno di realizzazione trovando la propria strada, il senso di imprigionamento in binari precostituiti, l'omosessualità, le dipendenze, l'amore libero, la voglia di autodeterminazione che deve partire prima di tutto dall'interno di noi stessi per poi riflettersi in un contesto di vita che sia a misura di individuo, l'impegno politico.
    Argomenti profondi, impegnativi, che si rivolgono ad un pubblico particolare, non per tutti sicuramente, che comunque hanno un loro seguito, ma la pecca del linguaggio usato risulta scostante, rendendo gravosa l'esperienza della lettura che sempre imperativamente deve risultare gradevole e attraente.
    Un finale venato di tristezza, di delusione, conclude quest'opera che si rivela pesante e poco godibile, che mostra come ogni generazione inneggi alla rivoluzione senza apportare poi cambiamenti significativi, facendo vincere l'omologazione.
    (Tatiana Vanini)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy