Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Volturno Arcano
di Cristina ElÚni Kontoglou

  • Trovi questo libro su Amazon.it
  • Trovi questo libro su Ibs.it
  • Trovi questo libro su Libraccio.it
  • Trovi questo libro su laFeltrinelli.it

    Casa Editrice: Eretica Edizioni - 82 pagine
    Formati disponibili: cartaceo




  • Genere: Poesia

    Trama:
    Volturno era una divinitÓ misteriosa, di cui le fonti rimangono incerte, collegata al terzo vento, che soffiava dal punto in cui il sole si alza al solstizio d'inverno, travolgendo le vigne e i raccolti. Un vento tanto mutevole, di buon auspicio quando sollevava la polvere contro gli eserciti nemici, quanto implacabile e violento, da propiziare con rituali e sacrifici. Allo stesso modo i versi, ambientati tra Grecia e Italia, diventano spinosi, indecifrabili, esoterici, o morbidi.

    Recensione:
    "Volturno arcano" Ŕ una silloge di Cristina ElÚni Kontoglou il cui versificare Ŕ partecipazione a un viaggio nella forma di un presente che Ŕ una provenienza dimenticata nel richiamo di una "grecitÓ" risonante nelle figure e nei miti che l'hanno informata e incarnata.
    Ho definito "grecitÓ" quell'immagine del perpetuarsi della continuitÓ, tutta greca, che rinnova e reinterpreta l'antica ereditÓ che ci Ŕ comune, riscoprendo i valori civilizzatori della poesia che non tenta scioglimenti ma vibranti abbandoni, nel legame fiducioso del proprio esserci naturalmente interroganti e collocati in spazi e tempi reali e contestualmente onirici.
    Ho percepito, leggendo queste liriche, la forza primordiale delle passioni come punto cardine di una vita degna di essere vissuta.
    In questa raccolta ho scorto una ricerca di armonia e di parole che si palesa in una scrittura pulita, nitida anche se non sempre di chiara comprensione e ho assaporato il piacere trasmesso da liriche intense che forse prendono spunti dalla biografia interiore dell'Autrice.
    Sono composizioni tese e "drammatiche" dove qua e lÓ affiora un turbamento spirituale, una personalitÓ protesa all'essenzialitÓ del contenuto e dell'espressione estetica.
    Il linguaggio poetico, contraddistinto da originalitÓ espressiva, dÓ vita a straordinarie suggestioni, a rarefatte atmosfere poetiche dove si fondono ancestrali paesaggi e utopici sogni.
    Il linguaggio attraversa la commedia umana nel suo aspetto pi¨ terreno e carnale e in un suo mitigato bisogno di trascendenza.
    La Poetessa sembra voler fermare e, contraddittoriamente, far defluire la vita e i sentimenti nel tempo e fuori dal tempo, dando alla poesia l'emblematica funzione di imperituro presente.
    I versi appaiono sospesi, eppure tesi nella parola, in bilico tra realtÓ e proiezione onirica e mitica di sentimenti, timori, ricordi evanescenti. Vibra in questa voce un costante, tormentoso, senso di attesa in cui la luce si forma in pennellate graduali da una notte abissale, mentre il nero degrada impercettibilmente tra l'ampia gamma di tutte le sfumature del grigio, fino a un quasi bianco che ammalia pi¨ del baratro e protegge, come il dolore inghiottito e interiorizzato che implode, all'apparenza attutito, in una falsa quiete.
    Il lettore Ŕ immerso in un tempo che lo blocca nell'attimo, tra il passato e il futuro. Un'attimo mitico, che fissa in un eterno presente i tipi ideali, rappresentati dalle tematiche che ogni personaggio della mitologia greca citato incarna. E cosý le pene e le situazioni descritte divengono universali e pu˛ ben capitare che, nell'offerta poetica, situazioni classiche e moderne si incontrino e si mischino.
    Ampiamente utilizzata Ŕ la figura retorica della similitudine, che spesso introduce paragoni arditi e surreali, che titillano l'immaginazione del lettore, mettendolo di fronte a quadri dipinti con le parole.
    Occorre evidenziare che ci troviamo di fronte a quella che non Ŕ certamente la pi¨ facile delle letture, complessa e alta nel solco di quelle suggestioni che solo i poeti greci riescono a costruire, con la caparbietÓ di un sonoro sentire che non cessa di emettere i suoi significati come se un ventaglio di sistemi simbolici li aprisse a una lettura perpetua.
    I versi della Kontoglou sono incisivi, di forti contenuti emozionali, disincantati ma abilmente contenuti e controllati da una intelligenza di donna che pervade il libro. L'Autrice rivela un mondo visto al femminile, cambia il punto di vista a chi, come lei, donna, anche se diversa da lei, lo vive nel segreto del suo sentire di vita, di fatti e avvenimenti, leggere queste poesie, a mio avviso, Ŕ un farsi trasportare dal vento arcano delle emozioni, nel tentativo di capire e dire l'amore che lega il femminile e il maschile, l'umanitÓ, la natura e il sidereo in particolare, in un turbinýo di sensazioni che, a sbalzi, declinano o danno gioia.
    (Luisa Debenedetti)

    Citazioni da questo libro:
    "A chi ha dormito
    con le persiane socchiuse
    restano gli astri addosso."
    (da "Calce")

    "Niente rende pi¨ potenti
    come avere voltato le spalle
    a qualcosa di una volta tanto amato."
    (da "Alimurgia")

    "La veritÓ vorrebbe
    le cose e le persone
    al loro posto ideale.
    Niente Ŕ meno
    vero della veritÓ."
    (da "Porfido in blu")

    "La memoria sceglie per te dei passi,
    dei posti ne fa una collana
    di giorni di specchi,
    non era il tuo turno di lucidarli
    li ritrovi da sassi a cristalli levigati"
    (da "Piazza Ss. Annunziata")



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy