Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Il banchiere assassinato
di Augusto De Angelis

  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it

    Casa Editrice: Libreria Covo della Ladra - 151 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Gialli

    Trama:
    In una Milano di ricchi rampolli e serate alla Scala, di lustrini e risate, si nascondono intrighi e passioni cocenti, drammi che preludono a soluzioni estreme.
    Nella nebbia che tutto avvolge, il commissario De Vincenzi viene chiamato a risolvere un caso di omicidio all'apparenza molto semplice: il cadavere del banchiere Mario Carlini giace seduto alla scrivania dell'appartamento del benestante Giannetto Aurigi.
    Ma il caso non ha messo in conto l'amicizia che lega lo stesso Aurigi a De Vincenzi e che fa scattare il dubbio nella mente del commissario. Cosa lega la vittima al suo presunto assassino? E perché Aurigi non è in grado di fornire un alibi?
    De Vincenzi ha 3 indiziati, un appartamento e 24 ore per scoprire la verità sul caso del banchiere assassinato.
    Con questa prima indagine del Commissario Carlo De Vincenzi, scritta nel 1935, conosciamo l'anima più vera di uno dei personaggi chiave del poliziesco italiano.

    Recensione:
    Da un'idea di due libraie, Mariana Marenghi e Barbara Monteverdi del Covo della Ladra, nasce la serie "I dobloni", uno scrigno prezioso che ripropone narrazioni dimenticate, che hanno fatto la storia del giallo, ma che sono sparite dai radar. Iniziativa meritevole e meritoria, difatti, grazie a loro, ho scoperto Augusto De Angelis e il suo "Il banchiere assassinato (le undici meno una)" , opera del 1935, un poliziesco tutto italiano, un giallo classico deduttivo che è la prima avventura del Commissario De Vincenzi.
    La scrittura di De Angelis è grandiosa, ma non pomposa; elegante, ma confortevole. Passaggi descrittivi di rara bellezza, suggestivi, poetici, vestono Milano di nebbie e segreti, per dare spessore ad un'atmosfera di intrigo, mistero e imprevedibili sviluppi.
    La trama parte con una coincidenza che annuncia una morte facendo presagire una rapida soluzione. In realtà ben presto il commissario capirà, con intuito e psicologia, che le cose sono molto più complesse.
    Belli i personaggi, tratteggiati con cura, lasciando al lettore alcune libertà uniche per figurarseli con tridimensionalità. Grande importanza ai caratteri e alle indoli, sono figure enigmatiche, tragiche, finanche drammatiche nella loro intenzione di tacere importanti dettagli, decisi ad immolarsi per chi amano. "Il banchiere assassinato" ci parla di legami, di amori, opportunità e ovviamente di delitto. Uomini e donne che De Vincenzi, da investigatore e protagonista, dovrà imparare a conoscere e comprendere nei comportamenti e nelle ostinazioni.
    La trama è dinamica e procede tra interrogatori, ritrovamenti, interpretazioni delle prove e sorprese. L'autore gioca col suo pubblico lealmente: gli indizi vengono narrati, le rivelazioni al momento opportuno sono rese note, così che i lettori possano seguirlo passo dopo passo fino ed arrivare alla soluzione con il suo protagonista. Non mancano attimi di incertezza e tensione, per una narrazione che è intrigante e piacevole.
    La società milanese del tempo è resa con chiarezza e, sebbene sia così lontana dalla nostra quotidianità, riusciamo a comprenderla ed a immergerci nelle sue pieghe.
    Su tutto, sicuramente, spicca il protagonista: è una figura carismatica, affascinante, uno studioso, un lettore, un fine conoscitore dell'animo umano. Bello stare in sua compagnia, vedere l'ammirazione dei sottoposti, la capacità di rapportarsi coi superiori. Uomo intelligente, che si fida del suo intuito, De Vincenzi entra nel cuore.
    "Il banchiere assassinato" è un'opera da leggere, per gli amanti del genere e non solo, perché è rappresentazione della nostra produzione letteraria che nulla ha da invidiare ai gialli del tempo d'oro inglese.
    Disponibile in ebook e in cartaceo, mi sento solo di dare un piccolo consiglio a chi lo ha ritrovato e riproposto in una veste grafica piacevole: ingrandire un po' il carattere di stampa della versione cartacea, per dare maggior facilitazione nella lettura a tutti coloro che amano tenere un libro in mano, sentirne il profumo e il frusciare delle pagine, anche se la vista non è più ottimale.
    Consigliato!
    (Tatiana Vanini)

    Citazioni da questo libro:
    Ognuno di noi ha un segreto e beato colui che ne ha uno confessabile.


    Dello stesso autore:
    Il Candeliere a sette fiamme



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy