Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Il mistero della casa delle civette
di Francesco Morini e Max Morini

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Newton Compton Editori - 256 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Gialli

    Trama:
    Mentre sono impegnati con l'inventario della loro libreria, in un novembre piovoso e freddo, Ettore Misericordia e Fango vengono chiamati dall'ispettore Ceratti. Una cartomante è stata uccisa in piena notte nel suo appartamento in piazza Vittorio. La dinamica dell'omicidio è piuttosto strana, perché la vittima è stata ferita a morte con un compasso, noto simbolo massonico. Per aiutare Ceratti a risolvere il caso, il libraio-detective e il suo fido assistente, tra sorprese e colpi di scena, si dovranno confrontare con le ombre e i segreti della vittima. Nel corso di una lunga e ingarbugliata indagine nella Roma magica ed esoterica, Misericordia dovrà districarsi tra indizi e sospettati, scavando nei segreti della Casa delle Civette di Villa Torlonia: luogo depositario di un misterioso enigma legato al principe Giovanni Torlonia, vecchio e bizzarro inquilino che la abitò nei primi del Novecento, e ad altri due inquietanti personaggi, il sensitivo Gustavo Rol e Benito Mussolini...

    Recensione:
    Nuova opera dei fratelli Morini e nuovo caso per il libraio Ettore Misericordia: "Il mistero della Casa delle Civette" rinfranca in questa estate spostandoci nel tempo fresco dell'autunno, e avvince con una trama curiosa ed appassionante.
    La scrittura degli autori e frizzante, dinamica, grazie ad un sapiente uso dei dialoghi che regalano brio e scorrevolezza, alternati alle affascinanti descrizioni dei luoghi di Roma, che hanno un qualche appiglio nella storia, un significato speciale e preciso.
    Sempre corretto, il linguaggio usato fa sì che il libro sia fruibile e godibile da un pubblico ampio, a dimostrazione che volgarità o un eccesso di violenza non servono a fare di una storia un qualcosa di avvincente, quando si hanno idee chiare e limpide.
    I personaggi, a partire dai protagonisti, ovvero il gruppo che ruota intorno ad Ettore, sono ben caratterizzati, tutti costruiti con piccoli vezzi o manie che li rendono immediatamente identificabili, distinguibili e simpatici. Le figure note si ritrovano con piacere, come vecchi amici coi quali si ha un appuntamento fisso, i nuovi che si conoscono indagando sul delitto hanno ognuno la possibilità di essere colpevoli bilanciata con un'aria innocente, che rende arduo scoprire la mano assassina prima del tempo. Accanto ai personaggi di fantasia ecco fare il loro ingresso persone realmente esistite, famose, delle quali conosceremo curiosità ed aspetti affatto scontati delle loro vite: un aggancio col reale che è piacevole ritrovare opera dopo opera, anzi si attende con curiosità di scoprire quale sarà la, o le personalità che entreranno di diritto nella trama.
    Ne "Il mistero della Casa delle Civette" i Morini indagano con delicatezza, e tramite considerazioni profonde, la malinconia dell'età che avanza, con il suo carico di ricordi e, spesso, con un presente di solitudine. Inserendo il delitto in una dimensione misterico/esoterica, ci vengono raccontati e descritti i luoghi di Roma legati alla magia, all'alchimia, a quel lato segreto oltre il velo che è incarnato in piazze, edifici e monumenti.
    Un delitto poco chiaro, un'arma insolita che conduce su una pista difficile da esplorare; personaggi del passato che ritornano con la loro imponente personalità e i segreti sepolti nel tempo che nasconde, ma non dimentica; Roma e le sue meraviglie che ci vengono offerte come in una visita guidata, con la passione e la competenza di chi la città la conosce e la ama. Questa la ricetta de "Il mistero della Casa delle Civette", ormai una precisa cifra stilistica che identifica gli autori.
    Apprezzati i capitoli finali, a mistero risolto, dove i Morini si prendono il tempo per svelare piccoli misteri rimasti in sospeso, grazie alla creatività, ad un po' di storia e proponendo ipotesi possibili: chiudono il cerchio e soddisfano la curiosità.
    Purtroppo una nota dolente... ancora non sappiamo come si chiama Fango! Max, Francesco, svelerete mai questo segreto?
    Consigliato.
    (Tatiana Vanini)

    Citazioni da questo libro:
    "Chiunque può uccidere, ricordati, se ha un movente che lo divora, di qualsiasi tipo. E non gli lascia alternative"

    "In un omicidio possono entrare forze oscure, bestiali, che neanche conosciamo e che poi non riusciamo a controllare"

    "La mente umana in condizioni emotive eccezionali può fare cose eccezionali, lucidissime"

    "La gente guarda ma non sa osservare"

    Degli stessi autori:
    Il giallo di Ponte Sisto
    Rosso Barocco
    Nero Caravaggio



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy