Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Narrativa

Trama:
Scienza e fede. Due campi che da sempre si intrecciano e si contendono il primato nella gerarchia dei pensieri umani. Trovare un principio unitario nel mondo del molteplice è stata l'ambizione tanto di Dio quanto dell'uomo. Salvo poi arrendersi entrambi, da posizioni ben diverse. Nei racconti di Pietro Menga, il Creatore ha fatto del suo meglio per dar vita a un'umanità che divenisse un unico grande organismo capace di amare se stesso. Ma il progetto è incappato in qualcosa di sbagliato, perché gli uomini, che pure lo affascinano con la loro imprevedibilità, lo deludono e offendono con azioni atroci, coi loro rituali sterili e con una scienza che combatte una battaglia per negare la sua esistenza. Cerca di rimediare, ma la partita col mondo e gli uomini resta in bilico e Lui, che sente gli stessi sentimenti umani, ha i suoi bei dubbi su come risolverla. Forse, l'unico modo è ricominciare daccapo. Eppure la speranza c'è, ed è testimoniata da alcune figure, che comprendono fino in fondo il valore della vita e i rapporti profondi tra dimensione umana e trascendente. Dietro il velo di un'affettuosa ironia, La giocherella mano di Dio mostra non solo le tante variabili che animano le azioni umane, ma anche la bellezza delle rivelazioni che giungono in un certo momento della vita e che la rendono degna di essere vissuta.

Recensione:
Tra scienza e religione, tra teorie dimostrate e da dimostrare e pensieri raggiungibili solo con la fede, ne "La giocherella mano di Dio" compiamo un viaggio affascinante, che è innegabilmente istruttivo, capace di far nascere riflessioni spontanee tra un ragionamento e un sorriso.
Pietra Menga prende per mano il lettore, avvolgendolo nella sua scrittura mai banale, affatto scontata, ma gentile, ritmata e soprattutto briosa, caratterizzata da un'ironia intelligente e leggera che rende l'opera godibile nonostante gli argomenti trattati non siano certo dei più facili.
Dio diviene personaggio, il Grande Vecchio che per ovviare alla solitudine e alla noia ha dato il via a una serie di tiri di dadi che hanno portato alla nostra creazione, si trasforma da entità invisibile e ineffabile ad essere concreto, del quale conosciamo pensieri, azioni, scherzi e dilemmi. E' un tipo simpatico questo Dio proposto dall'autore, perfettamente rappresentato dalla cover del libro che rispecchia in modo semplice i contenuti da scoprire.
Questo scritto è un viaggio che esplora la creazione, il divenire del mondo, la possibilità del multiverso e tanti altri spaccati che lascio a voi il piacere di scoprire. Al contempo accende i riflettori sul libero arbitrio, sullo sconvolgimento che può portare alle menti giungere a certe conclusioni o perdersi alla loro costante ricerca, in un tentativo di comprendere il disegno divino. Fonde in armonia concetti di fisica e insegnamenti dottrinali, esponendoli in un linguaggio semplice. Basta una lettura tranquilla, che si prenda il giusto tempo e i corretti spazi, per comprendere i messaggi, spalancare gli occhi e continuare a seguire i racconti con meraviglia e curiosità.
Curiosità è proprio il termine esatto con il quale si identifica l'esplorazione di quest'opera. Non è semplice lettura, è un vero viaggio verso terre conosciute che assumono la valenza di territori vergini, inesplorati, nei quali possiamo addentrarci con fiducia perché la voce dell'autore ci guida come la migliore delle bussole e la più chiara delle mappe. Anche quando il registro narrativo muta, cambiamento che si può apprezzare dal racconto titolato "Oltre l'ombra del sole", rimaniamo affascinati e scopriamo un altro lato della scrittura dell'autore che emerge. Come se avessimo passato una frontiera, i racconti hanno personaggi che appaiono più introspettivi, volti a fare scoperte che li cambieranno nel profondo. Il tono diviene più aulico, trasmettendoci immagini di poetica bellezza e cosmica forza. Ritroviamo ancora l'ironia, fedele compagna, che è leggera coperta di tutto un mondo che attende solo di essere letto.
"La giocherella mano di Dio" è un libro multi strato, un percorso che spalanca orizzonti e si presta a più piani di lettura. Piacerà agli uomini, per il suo lato analitico e matematico, ma interesserà anche le donne per l'eleganza dei concetti espressi, per il coinvolgimento emozionale che rende godibili i temi trattati, privandoli della freddezza dell'esposizione accademica.
Un libro che esplora il divino tramite la bellezza del mondo fisico, con un suo preciso carattere ed un'identità definita.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro consigliato

Il libro consigliato

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy