Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Sa morte secada:
Un'indagine del maresciallo Dioguardi nel cuore nero della Sardegna

di Nicola Verde

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Frilli - 208 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Noir

    Trama:
    "Con questo romanzo d'esordio, uscito nel 2004 con Dario Flaccovio, Nicola Verde è stato semifinalista al festival noir di Courmayeur. Anni Sessanta. Il maresciallo Carmine Dioguardi, campano, sposato senza figli, viene mandato in servizio a Bonela, centro agro-pastorale di una Sardegna in piena trasformazione economica dove il nuovo, vale a dire la costruzione di una fabbrica, deve trovare il modo di convivere con una civiltà risalente ai nuraghi e che talvolta risente ancora dell'influsso di riti arcaici e panteistiche credenze. Il corpo del piccolo Cosimo ucciso a colpi di pietra, spolpato dagli animali selvatici e fatto ritrovare a Fardighei, dove già un tempo era stata lasciata a mo' di sacrificio al fiume una testa umana, dà il senso di quanto intricate per Dioguardi si presentino le indagini. Cosimo è figlio di Natalia Frau, bella e traviata che si mantiene prostituendosi in città. Il bimbo è affidato a sua sorella Costantina, e un giorno scompare. Cosimo è figlio del peccato se è vero, come si mormora, che suo padre è niente meno che preide Bertula, il parroco di Bonela che ama il "latte d'asina", pratica l'usura ed ha tanti nemici che però lo temono. E c'è poi il bandito Farore e c'è l'amore giovanile di Natalia che nasconde un segreto struggente e straziante. Un bel romanzo a più voci questo di Verde, dove alle indagini di Dioguardi si sommano le visioni di Costantina e un mondo tutto da scoprire e decifrare per andare in fondo "finzas a sa morte secada", cioè fino a tagliare la morte per capire quanto profondo è l'abisso umano. La prefazione è di Luigi Bernardi."
    (Roberto Mistretta-scrittore)

    Recensione:
    Un Noir molto bello e molto profondo, nel quale il vero protagonista è l'Ombra. Una presenza tanto impalpabile quanto insistente, contrappasso di una terra i cui colori sono resi forti da un sole impavido che la riscalda e la inaridisce. Ombra nascosta nelle case dalle mura spesse, nei vicoli stretti, celata dietro i paraventi dell'orgoglio e dell'omertà da una società misera, ristretta, chiusa e giudicante, dove l'apparenza rappresenta un valore ed i retaggi culturali un bene da preservare. Ombra che si manifesta ovunque, persino negli spazi consacrati di una chiesa e nella locale stazione delle forze dell'ordine. Ombra spessa, abissale, abbondantemente nutrita e tenacemente difesa. Ombra che accomuna vittime e carnefici, stemperandone i contorni sino a renderli difficilmente distinguibili l'uno dall'altro. Solo la lama affilata e penetrante di una mente indagatrice, straniera alla selvaggia ed assolata terra di Sardegna, riesce a lacerare, anche grazie all'intuito sottile della sua compagna di vita, quella spessa linea d'Ombra. Nel momento in cui il velo è squarciato quel tanto che basta ad intravedere la verità, agli occhi dell'investigatore appare la bellezza vera ed autentica della terra che lo ospita e che sino a quel momento ha vissuto come un luogo di esilio e di immeritato castigo.
    La trama è avvincente, ampiamente articolata, sviluppata attraverso una serie di consecutivi incastri tra situazioni correnti, digressioni e regressioni. L'esposizione non sequenziale dei fatti non nuoce affatto alla scorrevolezza del racconto, anzi, ha il pregio di renderlo ancor più intrigante. Come anticipato, l'Ombra è il comune denominatore delle vicende che concorrono alla formazione dell'ordito letterario, nel quale risaltano gli elementi classici del Noir: sesso e potere. Ad essi si accompagnano rimandi ad antiche tradizioni ed elementi culturali andati perduti nella realtà continentale votata alla globalizzazione. Il finale è sorprendente; degna conclusione di un romanzo singolare, non solo dal punto di vista dell'indagine giudiziaria, ma anche per le implicazioni umane e relazionali che racchiude. La componente descrittiva che accompagna il racconto è rappresentativa, vivace, ma contenuta entro i limiti della giusta misura.
    Lo stile dell'autore è scorrevole, moderno ed esplicito, ma al tempo stesso garbato e gradevole. Mi complimento con lui per aver evitato il ricorso allo sproloquio anche nei dialoghi più veementi ed accesi e per aver saputo mantenere un'esposizione diretta ma non offensiva della sensibilità del lettore in ogni contesto, compresa la descrizione dei passaggi più turpi e scabrosi.
    Il ritmo della lettura è spedito, a tratti veloce, senza divenire mai incalzante. L'esposizione non sequenziale degli eventi richiede attenzione, un tributo ampiamente ripagato dalla ricchezza e dalla varietà dei contenuti proposti e da alcuni colpi di scena rivelatori, abilmente introdotti a proposito da Nicola Verde nella sua opera letteraria.
    (Angelarosa Weiler)

    Citazioni da questo libro:
    E' che a furia di parlare con il buio si può finire col diffidare delle ombre. (pagina 28)

    Chi cerca giustizia va incontro al fuoco. Ecco che si ottiene a cercar giustizia. (pagina 153)




    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy