Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Thriller

Trama:
"Tra i boschi e le pareti rocciose a strapiombo, giù nell'orrido che conduce al torrente, tra le pozze d'acqua smeraldo che profuma di ghiaccio, qualcosa si nasconde. Me lo dicono le tracce di sangue, me lo dice l'esperienza: è successo, ma potrebbe risuccedere. Questo è solo l'inizio. Qualcosa di sconvolgente è accaduto, tra queste montagne. Qualcosa che richiede tutta la mia abilità investigativa. Sono un commissario di polizia specializzato in profiling, e ogni giorno cammino sopra l'inferno. Non è la pistola, non è la divisa: è la mia mente la vera arma. Ma proprio lei mi sta tradendo. Non il corpo acciaccato dall'età che avanza, non il mio cuore tormentato. La mia lucidità è a rischio, e questo significa che lo è anche l'indagine. Mi chiamo Teresa Battaglia, ho un segreto che non oso confessare nemmeno a me stessa, e per la prima volta nella vita ho paura".

Recensione:
Le pagine scorrono veloci tra le mani, le parole danzano a un ritmo travolgente davanti agli occhi del lettore e l'inquietudine aumenta sempre più. Inquietudine, ecco la parola chiave di questo thriller dai marcati tratti noir.
Non riesci a smettere di leggere "Fiori sopra l'inferno", perché Ilaria Tuti, con un perfetto intreccio di parole, ha la capacità di mostrare il bene e il male, la razionalità e l'irrazionalità, che si perdono nell'oscurità della mente umana.
L'autrice ci descrive la montagna affascinante, fredda, misteriosa, che però sanguina nella sua solitudine.
"Il silenzio incoraggia sempre il carnefice, mai la vittima…"
I personaggi, in particolare il commissario Teresa Battaglia, sono perfettamente inseriti nel racconto e vivono l'ambiente come elemento essenziale del crimine. Teresa Battaglia è un commissario che può essere definito normale. E' una donna come tante, intensa nei suoi sentimenti, a volte dolce e a volte brusca. E' una donna arguta, intelligente, ama il suo lavoro e ama capire il senso del crimine. Lottando con sé stessa, con i suoi problemi personali, cerca di entrare nella mente del serial killer, per fermare quelle atrocità che hanno colpito la magia della montagna.
Quel luogo nasconde la paura, il terrore, è una culla perfetta per il male. Lì vi è qualcuno che vuole la morte e la raggiunge, lasciando una scia di sangue.
La trama è complessa, ricca di elementi, ma scorre velocemente, grazie alla scrittura leggera e ben strutturata.
E' un romanzo che trascina e coinvolge il lettore fino alla fine. Una nuova firma si è fatta spazio tra i grandi nomi del thriller italiano.
(Barbara Galimberti)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy