Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Stirpe di eroi
di Massimiliano Colombo

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Newton Compton - 384 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    Roma, 295 a.C. Quinto Fabio Massimo Rulliano, dopo aver ricoperto per quattro volte la carica di console, onorando con tenacia gli incarichi che la Repubblica gli ha assegnato, è richiamato dal Senato per affrontare una nuova minaccia. Sanniti, Etruschi, Galli Senoni e Umbri hanno stretto un patto di ferro e stanno riunendo uno sterminato esercito per assediare l'Urbe e cancellarla per sempre dalla Storia. Rulliano accetta l'incarico a una sola condizione: che al suo fianco sia nominato console Publio Decio Mure, un valoroso militare che ha ricoperto per tre volte la carica. I due consoli mettono in marcia le legioni per cercare di intercettare gli eserciti dei quattro popoli che si stanno coalizzando. Dovranno agire con astuzia se non vogliono ritrovarsi in trappola nella morsa dei nemici. Sanno entrambi che presto incontreranno il loro destino e sono pronti a tutto per lasciare un marchio indelebile su quella che passerà alla storia con il nome di "Battaglia delle Nazioni".

    Recensione:
    Con Stirpe di eroi Colombo ci porta indietro nel passato a Roma nel 295 a. C., dove la città eterna non ancora al massimo splendore, si trova a dover affrontare l'ennesima minaccia: l'unione delle tribù ostili che la circondano, che la vogliono a ferro e fuoco.
    Innegabile la capacità comunicativa dell'autore, che trasforma il romanzo in una vera macchina del tempo. Una scrittura così vivida che fa sentire, percepire, vivere, le scene narrate; sentire i suoni, gli odori e gli stati d'animo.
    Personaggi che oltre ad essere soldati sono uomini, con affetti, famiglie, lavori e prima di essere uomini sono figli di Roma, anzi sono Roma. L'attaccamento all'Urbe, alla patria, è totale, ciò che si è disposti a fare arriva all'estremo sacrificio, una frase lo dimostra: "Noi siamo qui per vincere o per morire".
    Profondi, costruiti a 360°, tutti gli interpreti di questo libro entrano sotto la pelle, si vive e si lotta con loro, si combatte, si muore.
    La trama racconta la storia da tutti i punti di vista: quello dei romani, degli etruschi, dei sanniti, dei senoni, degli umbri. Mettendo il lettore di fronte a diverse realtà. Usi, costumi che non sono poi così diversi in questi popoli guerrieri. Gli intenti, le astuzie, le crudeltà, i tradimenti, ingredienti che fanno di Stirpe di eroi un romanzo epico, che fa sussultare, parteggiare, in un vortice di azione. Ogni lettore troverà un personaggio con il quale nascerà un affinità profonda che renderà intensa questa esperienza letteraria.
    Colpisce l'orgoglio con il quale si porta in alto la tribù di appartenenza, una fierezza che al giorno d'oggi va scemando sempre più. Un insegnamento, un'esortazione ad essere fieri della nostra nazione, proprio come lo erano i nostri antenati della loro città.
    Stirpe di eroi è un romanzo avvincente, consigliato a tutti gli amanti della narrativa storica, che potranno apprezzare le accurate ricostruzioni, unite alle avvincenti azioni narrate.
    Intenso, forte, fatto di coraggio e sangue, fatto di uomini, fatto di eroi.
    (Tatiana Vanini)



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy