Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Latrones. I predoni di Roma
di Luigi Mattioli

  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it

    Casa Editrice: Aporema Edizioni - 472 pagine
    Formati disponibili: cartaceo




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    A Noreia, nella prima battaglia contro la grande orda germanica proveniente dallo Jutland, solo un'improvvisa tempesta ha salvato le legioni di Roma da una disfatta totale. Nell'Urbe tuttavia il pericolo rappresentato dai Cimbri, ai quali stanno per unirsi i temibili Teutoni, Ŕ ancora sottovalutato e l'attenzione del Senato pare concentrarsi solo sulla ribellione del principe numida Giugurta in Nord Africa. Il risveglio sarÓ brusco e doloroso. Le razzie dei Latrones, come vengono definiti con disprezzo i nuovi barbari, arrivano a minacciare gli interessi romani nelle Gallie e lo scontro sarÓ inevitabile. In questo quadro dalle tinte fosche si muove una galleria di personaggi formidabili: il rik rik Andag, sua figlia, la sacerdotessa Hiwa, Frohil il rosso, il condottiero dei Celti Boiorix, il re di Tolosa Copillo, l'astro nascente di Gaio Mario e un ex ufficiale romano dal passato avventuroso.

    Recensione:
    "L'aquila tra i giganti" si era chiusa con la descrizione della grande battaglia di Noreia. Con "Latrones - I predoni di Roma" Luigi Mattioli riprende la narrazione esattamente da quel punto.
    I Cimbri di Andag stanno attraversando un periodo difficile: l'ombra di una maledizione sembra gravare sulla trib¨ e il druido Druseos Ŕ determinato ad approfittarne. Mentre cerca di plasmare la mente del giovane re Boiorix, attraverso il quale conta di diventare il druido pi¨ potente della regione, Druseos desidera anche mettere le mani su Hiwa, figlia di Andag, che nel dolore provocato dalla morte di Pupil ha scelto di diventare sacerdotessa seguendo le orme della vecchia Cenere.
    Alle appassionanti vicende umane dei diversi personaggi, molti dei quali giÓ incontrati ne "L'aquila tra i giganti", fanno da sfondo un ambiente naturale suggestivo e spietato mirabilmente descritto nei suoi aspetti pi¨ significativi e la ricostruzione minuziosa di una vicenda storica praticamente sconosciuta ai pi¨, ma ben approfondita dall'autore. Ben poco sappiamo infatti noi "latini" della grande avventura delle orde barbariche che circa un secolo avanti Cristo cominciarono a sciamare dal nord Europa verso sud e verso ovest, fino ad insidiare i possedimenti romani su quelle che oggi sono le coste liguri, francesi e spagnole. Grande conoscitore della storia di popoli che la maggior parte di noi conosce solo con l'appellativo di "barbarici", Mattioli ricostruisce davanti ai nostri occhi la fitta trama di rivalitÓ, alleanze, similitudini e differenze esistenti fra Cimbri e Teutoni, Celti e Tigurini, Ambroni e Cadurci, che si contendevano le vallate, le colline interne e i brulli altopiani dell'Europa centrale. La vicenda di Hiwa, costretta a fuggire tra un ribollire di razzie e battaglie, duelli e sacrifici a divinitÓ crudeli e sanguinarie, in un susseguirsi di tradimenti e rovesciamenti di alleanze, fughe e ricongiungimenti che ridisegnano continuamente gli scenari delle forze in gioco, si intreccia infine con quella di chi segue le sue tracce sperando di incontrarla di nuovo, mentre migliaia di uomini si spostano da nord verso le rive del Mediterraneo e verso Tolosa, travolgendo tutto ci˛ che incontrano sul loro cammino.
    Alla descrizione di questo mondo selvaggio e appassionato, spietato eppure a suo modo nobile, violento ma anche profondamente capace di lealtÓ e persino di tenerezza, si contrappone quella degli intrighi dei Romani che, tutti presi dalla competizione politica, dalla corsa all'accumulo di ricchezze personali e dal conflitto con il principe numida Giugurta, continuano a sottovalutare la minaccia rappresentata da queste trib¨.
    Nonostante i numerosi e dettagliati riferimenti storici e il gran numero di personaggi, la lettura Ŕ scorrevole e avvincente: lo stile elegante e curato e la trama ben congegnata catturano l'attenzione del lettore che si trova catapultato in un mondo per certi aspetti veramente poco conosciuto eppure molto affascinante. Un romanzo veramente fuori dal comune e di grande impatto emotivo, oltre che di grande valore per l'accuratezza storico-culturale, di cui consiglio vivamente la lettura specialmente (ma non solo) agli appassionati del genere.
    (Cristina Quochi)

    Dello stesso autore:
    Gens vaga
    L'aquila tra i giganti
    Totum Nasum



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy