Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.





Genere: Thriller

Trama:
L'ondata di caldo anomala travolge ogni cosa, costringendo tutti a invertire i ritmi di vita: soltanto durante le ore di buio è possibile lavorare, muoversi, sopravvivere. Ed è proprio nel cuore della notte che Samantha riemerge dalle tenebre che l'avevano inghiottita. Tredicenne rapita e a lungo tenuta prigioniera, Sam ora è improvvisamente libera e, traumatizzata e ferita, è ricoverata in una stanza d'ospedale. Accanto a lei, il dottor Green, un profiler fuori dal comune. Green infatti non va a caccia di mostri nel mondo esterno, bensì nella mente delle vittime. Perché è dentro i ricordi di Sam che si celano gli indizi in grado di condurre alla cattura del suo carceriere: l'Uomo del Labirinto. Ma il dottor Green non è l'unico a inseguire il mostro. Là fuori c'è anche Bruno Genko, un investigatore privato con un insospettabile talento. Quello di Samantha potrebbe essere l'ultimo caso di cui Bruno si occupa, perché non gli resta molto da vivere. Anzi: il suo tempo è già scaduto, e ogni giorno che passa Bruno si domanda quale sia il senso di quella sua vita regalata, o forse soltanto presa a prestito. Ma uno scopo c'è: risolvere un ultimo mistero. La scomparsa di Samantha Andretti è un suo vecchio caso, un incarico che Bruno non ha mai portato a termine... E questa è l'occasione di rimediare. Nonostante sia trascorso tanto tempo. Perché quello che Samantha non sa è che il suo rapimento non è avvenuto pochi mesi prima, come lei crede. L'Uomo del Labirinto l'ha tenuta prigioniera per quindici lunghi anni. E ora è scomparso.

Recensione:
Forse il migliore autore di thriller psicologici italiano, Carrisi conferma la sua bravura ad ogni romanzo, ad ogni discesa negli abissi oscuri dell'animo umano.
"L'uomo del labirinto" intriga e coinvolge dai primi capitoli, perché la scrittura dell'autore, così fluida e ritmata, ipnotizza il lettore che può solo addentrasi nel labirinto del nuovo incubo letterario creato per suo brivido e diletto.
Un'indagine che svela inganni ad ogni bivio, vicoli ciechi ad ogni incrocio, che fanno smarrire investigatori e lettori costretti a seguire una strada tracciata da una mente malata, infettata dal male.
Personaggi che si ricordano a lungo per la loro complessità e profondità, come Bruno Genko, solitario investigatore privato e con poco tempo a disposizione per svelare la verità su un caso lungo quindici anni, per tentare di porre una pezza al torto fatto ad una ragazzina perduta, per guardare in faccia il mostro.
Affascinante la visione che l'autore ci trasmette del suo criminale: lui non sa di essere un mostro, lui crede di essere una persona normale. Se cercate un mostro non lo troverete mai, consideratelo un uomo come tanti ed allora avrete qualche speranza.
Solo l'uomo è capace di tanta bellezza e, contemporaneamente, di tanta malvagità. Questo il fondamento dal quale prende il via una trama che si basa su quei bambini abusati che, divenuti adulti, possono solo portare nel mondo altro male, altro dolore, perché la paura negli occhi delle vittime è diventata la loro droga. L'unico modo che hanno di vivere con gli altri è nutrire il loro lato oscuro e nascosto dove da vittime sono diventati cacciatori.
Frasi ed accenni lasciati cadere con una casualità solo apparente, rimandano ai precedenti libri dello scrittore, riallacciando in un unico filo personaggi straordinari e trame appassionanti.
Un finale amaro conclude questo nuovo capitolo thriller della carriera di Carrisi, lasciandoci, se non la certezza, una giustificata speranza di un prosieguo del viaggio nel buio.
(Tatiana Vanini)



POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





Il libro della settimana

Iscriviti alla Newsletter...

newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

Iscriviti qui!

Cerchi un libro?

Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



Norme sulla privacy