Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Le verità sepolte
di Angela Marsons

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Newton Compton Editori - 421 pagine
    Disponibile in formato cartaceo e ebook




  • Genere: Thriller

    Trama:
    Quando, durante uno scavo archeologico, vengono rinvenute alcune ossa umane, uno sperduto campo della black country si trasforma improvvisamente nella complessa scena di un crimine per la detective Kim Stone. Non appena le ossa vengono esaminate diventa chiaro che i resti appartengono a più di una vittima. E testimoniano un orrore inimmaginabile: ci sono tracce di fori di proiettile e persino di tagliole da caccia. Costretta a lavorare fianco a fianco con il detective Travis, con il quale condivide un passato che preferirebbe dimenticare, Kim comincia a investigare sulle famiglie proprietarie e affittuarie dei terreni del ritrovamento. E così, mentre si immerge in una delle indagini più complicate mai condotte, la sua squadra deve fare i conti con un'ondata di odio e violenza improvvisa. Kim intende scoprire la verità, ma quando la vita di una sua agente viene messa a rischio, dovrà capire come chiudere al più presto il caso, prima che sia troppo tardi.

    Recensione:
    Una scrittura coinvolgente, con un ritmo di narrazione incalzante, una trama avvincente e personaggi che si amano o si odiano, ma sempre con intensità. Questi sono gli ingredienti ai quali Angela Marsons ci ha abituato, romanzo dopo romanzo, elementi che ritroviamo in toto in "Le verità sepolte".
    Kim Stone e la sua squadra, per chi ne segue le gesta dell'inizio, sono ormai diventati degli amici, eppure in ogni nuovo capitolo che li vede protagonisti andiamo a scoprire qualcosa di nuovo sui legami che li contraddistinguono, sul loro passato. L'autrice è brava a centellinare notizie, a dosarle, così da rendere i suoi personaggi ogni volta interessanti e sempre più tridimensionali, mettendoli al contempo in situazioni e in indagini su casi che sono una storia a sé stante, permettendo così a chi si accosta per la prima volta ai suoi libri, di poter comprendere ciò che legge, entrando a pieno titolo nel climax della storia.
    "Le verità sepolte" comincia con due casi che più diversi e distanti tra loro non potrebbero essere: un suicidio e il ritrovamento, in un campo, di vecchie ossa.
    Ma in polizia le indagini sono molteplici, i crimini sono diversi e chi delinque non prende mai le ferie, così per stare dietro a tutto Kim si dovrà separare dalla sua squadra, collaborare con chi prova livore verso di lei e con chi non conosce.
    Nuovi agenti e un mistero che ne cattura in fretta l'attenzione, la porteranno a perdere momentaneamente di vista la sua famiglia lavorativa, e i guai non tarderanno a presentare il conto.
    Ognuno a suo modo, vedremo questi agenti e detective impegnati su diversi fronti con qualcosa di oscuro, nebuloso e sempre più malvagio e crudele man mano che gli indizi vedranno trovare il giusto collocamento, ma il mancato scambio di informazioni tra di loro potrebbe avere esiti tragici e soprattutto fatali.
    La Marsons crea la sua trama fondandola sui cosiddetti "crimini d'odio". La diffidenza prima, il pensiero di superiorità ed infine il vero e proprio livore, si propagano come un incendio nella savana, trovando terreno fertile nei social, che con il loro anonimato e l'ampia diffusione, rendono certe tendenze ancora più crude e pericolose. Un argomento che porta a riflettere, a riconoscere, malgrado sia scomodo e faccia male, che in ognuno di noi si nasconde il seme del razzismo. Spesso smussato, ragionato e controllato da un'analisi attenta e lucida del proprio comportamento, altre volte ingigantito e reso potente da preconcetti e dal supporto del gruppo, no, di un vero e proprio branco, che forte della sua unione, arriva fino alle estreme conseguenze.
    Il ritmo è sempre alto per tutto il romanzo, ma nel finale raggiunge livelli parossistici, con un grande coinvolgimento emotivo da parte del lettore, che ormai ha messo insieme alcune notizie e vede il precipizio ad ogni pagina più vicino.
    Alcune verità sono così brutte e scomode che vanno nascoste, sotterrate, dimenticate per sempre. Ma la piaga continua a secernere pus, finché non la si incide, riportando alla luce quello che era sepolto.
    Una narrazione che non conosce pause per un thriller magistrale, con un finale che ha qualcosa da insegnare, ai personaggi come ai lettori, a tutti. Da non perdere!
    (Tatiana Vanini)

    Della stessa autrice:
    La ragazza scomparsa
    Una morte perfetta



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro della settimana

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy