Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Venezia enigma
di Alex Connor
Traduzione a cura di: Tessa Bernardi

  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su Amazon.it

    Casa Editrice: Newton Compton Editori - 384 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Romanzo storico

    Trama:
    Venezia, XVI secolo. Dopo un disperato tentativo fallito di assassinare il suo aguzzino, Marco Gianetti fugge con la sua amante, Tita Boldini. Angosciato dai crimini che pesano sulla sua coscienza, in cerca di redenzione si è rivolto all'enigmatico olandese Nathaniel der Witt. Ma der Witt brama vendetta: è giunto a Venezia per indagare su una serie di brutali omicidi che hanno sconvolto la città; omicidi legati ai famigerati Lupi di Venezia, ai quali non perdona l'assassinio di sua figlia. Con il suo nuovo alleato, sotto la minaccia dello spietato Pietro Aretino, der Witt inizia la sua ricerca. Mentre a uno a uno i Lupi cominciano a essere scoperti, Marco Gianetti crede di aver trovato finalmente la pace. Ma la vita di qualcuno che gli è molto vicino potrebbe essere in grave pericolo e una spia un tempo fedele ad Aretino, Adamo Baptista, minaccia di svelare i segreti di Marco: la Serenissima è sempre più un luogo sinistro e la sete di sangue dei Lupi di Venezia non è ancora placata...

    Recensione:
    Un thriller storico veramente grande, come la prima di copertina promette. Venezia è da sempre associata alle maschere; lo era già nel 1500, epoca nella quale nella città lagunare, come altrove, soffiava il vento del Rinascimento. Venezia è anche la città del "caligo", quella foschia salmastra e sottile che stempera i contorni delle forme ed a volte ha il potere di infittirsi ed occultare del tutto la visione. Questo racconto è dominato da una fitta nebbia che solo nel finale si solleva, mostrando una realtà del tutto inaspettata. I personaggi che prendono vita in queste pagine sono numerosi e sono tutti caratterizzati da un denominatore comune: quello di custodire al proprio interno uno o più segreti. Vicende ammantate dalla bruma del mistero che si intrecciano in storie d'amore, sesso, denaro, potere e follia pura. Figure misteriose che incrociano i loro passi con quelli di vittime designate e consegnate ad un destino fatale da una mano che resta senza nome sino alle ultime pagine della narrazione. La suspense ed i colpi di scena non mancano davvero tra calli, campielli, ponti e canali, ove si accompagnano ad una lieve, presunta traccia di occultismo. Interessante il sottile duello tra l'essere e l'apparire che si insinua garbatamente nella corrente del racconto. Un romanzo che, pur essendo corposo, si legge tutto d'un fiato e, spesso, trattenendo il fiato per lo stupore.
    La trama è molto intrigante, piuttosto complessa per la grande quantità di personaggi che la popolano, avvincente e ricca di sottigliezze. L'esposizione è eminentemente consequenziale, regressioni e digressioni sono inserite nella quantità minima indispensabile. L'intreccio criminale rappresenta l'ordito principale della narrazione, pur tuttavia non manca una gradevole, seppur limitata, componente descrittiva di contorno. I protagonisti ed i loro comprimari, sia realmente esistiti, sia scaturiti dalla fantasia dell'autore, sono pennellati in modo accurato, tanto nell'aspetto esteriore quanto nelle profondità dell'animo di ognuno di loro.
    Lo stile dell'autore è assolutamente impeccabile e consono alla lingua parlata nel periodo storico nel quale le vicende si svolgono. L'eleganza stilistica si accompagna alla capacità di rendere vivide le emozioni sperimentate dai personaggi. Singolare ed apprezzabile la scelta dell'autore di affidare in massima parte il racconto ad una voce narrante, riservando alcuni spazi ad interventi in prima persona da parte del protagonista centrale della vicenda.
    Lettura consigliatissima a tutti gli amanti del genere.
    (Angelarosa Weiler)

    Citazioni da questo libro:
    "Il diavolo deve avere il senso dell'umorismo, dopotutto"

    "Ho un debole per gli innocenti, proprio come ho un debole per i segreti. Sono così delicati e terrificanti, se usati nel modo giusto"

    "L'arma migliore di cui può disporre un uomo è il cervello"

    "L'affetto è un'arma che potrebbero usare contro di te. Senza legami, sei intoccabile. Affezionati a qualcuno e ti ritroverai impastoiato come un capretto pronto ad andare al macello"

    "I segreti valgono molto più del denaro"

    "Intravedo un valore più prezioso: non avere nulla e possedere tutto"

    Dello stesso autore:
    I lupi di Venezia
    Goya enigma



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy