Logo Libri e Recensioni

Iscriviti alla Newsletter per ricevere GRATIS i nostri aggiornamenti.


Fairy tale
di Stephen King
Traduzione a cura di: Luca Briasco

  • Acquista questo libro su Amazon.it
  • Acquista questo libro su Ibs.it
  • Acquista questo libro su Mondadoristore.it
  • Acquista questo libro su Libraccio.it
  • Acquista questo libro su laFeltrinelli.it

    Casa Editrice: Sperling & Kupfer - 677 pagine
    Formati disponibili: cartaceo e ebook




  • Genere: Avventura

    Trama:
    Un ragazzo, il suo cane, la discesa in un mondo magico e oscuro. Benvenuti nel lato oscuro del "c'era una volta". Charlie Reade è un diciassettenne come tanti, discreto a scuola, ottimo nel baseball e nel football. Ma si porta dentro un peso troppo grande per la sua età. Sua madre è morta in un incidente stradale quando lui aveva sette anni e suo padre, per il dolore, ha ceduto all'alcol. Da allora, Charlie ha dovuto imparare a badare a entrambi. Un giorno, si imbatte in un vecchio - Howard Bowditch - che vive recluso con il suo cane Radar in una grande casa in cima a una collina, nota nel vicinato come "la Casa di Psycho". C'è un capanno nel cortile sul retro, sempre chiuso a chiave, da cui provengono strani rumori. Charlie soccorre Howard dopo un infortunio, conquistandosi la sua fiducia, e si prende cura di Radar, che diventa il suo migliore amico. Finché, in punto di morte, il signor Bowditch lascia a Charlie una cassetta dove ha registrato una storia incredibile, un segreto che ha tenuto nascosto tutta la vita: dentro il capanno sul retro si cela la porta d'accesso a un altro mondo. Una realtà parallela dove Bene e Male combattono una battaglia da cui dipendono le sorti del nostro stesso mondo. Una lotta epica che finirà per vedere coinvolti Charlie e Radar, loro malgrado, nel ruolo di eroi. Dal genio di Stephen King, una nuova avventura straordinaria e agghiacciante, una corsa a perdifiato nel territorio sconfinato della sua immaginazione.

    Recensione:
    Una favola nera, che comincia nel reale per poi tuffarsi nel fantasy: "Fairy Tale" è una lettura in parte formativa e in parte avventurosa, che può essere affrontata anche dai ragazzi.
    King ha una scrittura che culla e coinvolge, scorrevole. Apre il libro e ci regala pagine di narrativa pura, dove centrale è il rapporto tra Charlie, il diciassettenne protagonista, e un anziano, burbero, scontroso e solitario.
    I due non hanno nulla in comune, a farli incontrare è un incidente che cambierà le vite a entrambi. Il ritmo è abbastanza lento, interessante sì, ma un'esposizione più breve avrebbe donato ai capitoli un mordente più marcato, del quale si sente la mancanza.
    Sono pagine di chiaro valore formativo e sociale, ma prolisse.
    Il passo cambia quando si entra nella dimensione puramente fantastica, ed è qui che l'avventura esplode, la trama si complica e diventa calamita che coinvolge.
    Se prima procedevamo con lentezza, da un punto preciso, che non posso indicare più chiaramente per non dire troppo e lasciare a voi il piacere di scoprirlo, poi leggerete con voracità, appassionati e coinvolti emotivamente.
    Meravigliosi i personaggi, perfetti nelle loro imperfezioni, trasmettono sensazioni e sentimenti con chiarezza.
    E' molto bello paragonare ciò che si va leggendo alle favole conosciute a tutti. Nella nostra memoria ci sono principi perfetti, principesse bellissime, regni incantati e cattivi con un certo fascino. King, da buon re nero, descrive una dimensione maledetta, con principesse imperfette, malvagi deformi, regni in rovina e principi sporchi, combattivi, armati di pistola, con pozzi di tenebra profonda racchiusi nell'anima.
    Eppure è facile distinguere i buoni dai cattivi, i meritevoli da chi merita la punizione.
    "Fairy Tale" è un omaggio alla produzione favolistica, ne riprende gli insegnamenti e mette l'accento sulla morale: sulle buone azioni, sul guardare al di là dell'aspetto fisico. Racconta di debolezza e del coraggio di agire, anche quando tutto sembra perduto. Volontà e sentimenti sono motori potenti, che danno poteri insospettabili.
    Il finale è un ritorno alla produzione Lovecraftiana, come era già stato in "Revival".
    "Fairy Tale" non convince pienamente, ma resta una lettura intrigante, godibile e con il suo immancabile lieto fine, come tutte le favole vogliono, a meno che non stiate pensando ai fratelli Grimm.
    (Tatiana Vanini)

    Dello stesso autore:
    Billy Summers
    Later
    Se scorre il sangue
    L'istituto
    The outsider
    Revival
    Insomnia
    Cell
    Il gioco di Gerald



    POTREBBE INTERESSARTI ANCHE





    Il libro consigliato

    Il libro consigliato

    Iscriviti alla Newsletter...

    newsletter ...per ricevere ogni settimana le ultime novità dal nostro sito.

    Iscriviti qui!

    Cerchi un libro?

    Inserisci il titolo, parte del titolo o il nome dell'autore:



    Norme sulla privacy